FIS Ski World Cup 2019-2020. Kranjska Gora (SLO) 16/02/2020, Women's Slalom, Petra Vlhova (SVK) Photo by: Pier Marco Tacca /Pentaphoto.
Gare

Slalom Kranjska, Vhlova vittoria numero 14!

Petra Vhlova si aggiudica la vittoria numero 14 della carriera nello slalom di Kranjska Gora. Ma la slovacca non riesce ad esultare, perché la vera protagonista della giornata è stata la svedese Anna Swenn Larsson:  Già prima a metà gara e in grado di dare distacco anche ad una super Vhlova nella seconda, Hanna salta a poche porte dal traguardo.

Così Vhlova chiude con il tempo di 1’47″56, davanti all’elvetica Wendy Holdener per 24 centesimi e all’austriaca Katharina Truppe per 89.
Note molto positive in casa Italia, grazie soprattutto a Marta Rossetti, 20enne delle Fiamme Oro, capace di far registrare il secondo miglior tempo nella seconda manche. E ecuperare ben 10 posizioni rispetto ad una già buona prima frazione. E con il pettorale numero 33 classificarsi al 12/o posto con 2″69 di ritardo dalla slovacca.

Per l’atleta di Puegnago del Garda si tratta di gran lunga del miglior risultato in carriera, ma Rossetti è piaciuta soprattutto per l’atteggiamento in gara. Nessuna paura, linee strettissime e punte sempre in giù a cercare di andar forte.

Bene anche Irene Curtoni che trova un bel 13/o posto, a 2″83 dalla leader e buoni punti anche per Martina Peterlini, 18/a, nonostante le due posizioni perse nella seconda manche.

Un vero peccato l’uscita di Federica Brignone nella seconda manche, perché l’azzurra stava provando a recuperare posizioni per fare punti utili per le classifiche.

Non si erano qualificate invece Vera Tschurtschenthaler, Roberta Midali e Anita Gulli, fuori nella prima Lara Della Mea.

Vhlova scavalca Shiffrin nella classifica di slalom con 460 punti, contro i 440 dell’americana. La migliore azzurra è sempre Curtoni 14/a con 104 punti. Nella generale sale Vhlova che è sempre terza ma con 1071 punti, contro i 1112 di Brignone e i 1225 di Shiffrin, sempre al comando.

Ordine d’arrivo SL femminile Kranjska Gora:
1. Petra Vhlova SVK 1’47″56
2. Wendy Holdener SUI +0″24
3. Katharina Truppe AUT +0″89
4. Nina Haver-Loeseth NOR +0″99
5. Katharina Liensberger AUT +1″34
6. Chiara Mair AUT +1″90
7. Emelie Wikstroem SWE +2″32
8. Kristin Lysdahl NOR +2″43
9. Michelle Gisin SUI +2″49
10. Magdalena Fjaellstroem SWE +2″59

12. Marta Rossetti ITA +2″69
13. Irene Curtoni ITA +2″83
18. Martina Peterlini ITA +3″15

31. TSCHURTSCHENTHALER Vera ITA
42. MIDALI Roberta ITA
44. GULLI Anita ITA

Federica Brignone ITA DNF
Lara Della Mea ITA DNF

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.