Gare

Streif prima prova, Marsaglia e Innerhofer subito tra i più veloci

Streif prima prova, Marsaglia e Innerhofer subito tra i più veloci.
È di Aleksander Aamdot Kilde il miglior tempo fatto segnare questa mattina nella prima prova cronometrata della discesa sulla Streif di Kitzbühel.

Il norvegese ha chiuso in 1″56″54, 22 centesimi più veloce di Matteo Marsaglia, lo stesso tempo fatto segnare dall’austriaco Matthias Mayer. Poi c’è Christoph Innerhofer a 33 centesimi.

Solo una prova di studio per gli elvetici Marco Odermatt (+1″49) e Beat Feuz (+1″52) e di Dominik Paris (+2″97). Addirittura a oltre 5 secondo in vincitore del Lauberhorn Vincent Kriechmayr. 

Buona prova anche di Pietro Zazzi, sceso col pettorale numero 57, terminando al 14esimo posto!

Matteo Casse ha concluso a +1″68, giusto alle spalle di Feuz, appena davanti all’americano Cochran-Siegle

L’anno scorso Beat Feuz conquistò la vittoria in entrambe le discese disputate, la prima volta davanti a Mayer e il nostro Paris, la seconda su Clarey e Mayer. Nelle prove aveva fatto segnare il quarto e il 14esimo tempo.
Guglielmo Bosca, infine, ha superato il traguardo con +3″51.

A +3″51 da Kilde c’è Guglielmo Bosca, partito col pettorale 36. Sicuramente più attendibile potrà essere il training di domani. Streif prima prova Marsaglia Innerhofer

LA CLASSIFICA DELLA PRIMA PROVA

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.