Gare

SuperG Saalbach, il capolavoro di Odermatt rimanda la festa di Kriechmayr

Nel SuperG di Saalbach Marco Odermatt costruisce un vero e proprio capolavoro e conquista la vittoria, così l’austriaco Vincent Kriechmayr, terzo dietro a Bailet, rimanda la festa. Ci riferiamo ovviamente alla coppa di specialità che rimane ancora aperta fino a Lenzerheide, anche se i punti di differenza tra i due è di 83 punti. Sembrerebbe una formalità, ma mai dire mai.

Oggi comunque si celebra una prova incredibile di Marco che probabilmente rimarrà nella storia perché è stata una vera e propria opera d’arte. In alcuni passaggi ha ricordato Hermann Maier, per forza, intelligenza e senso tattico.

Ha dato 62/100 al francese Matthieu Baillet che conquista il suo primo podio in carriera al termine di una prova strapieno di rischi.

Ma che ha tolto il sorriso a Kriechmayr, sempre bravissimo nei passaggi più tecnici. Sicuramente più abile di Beat Feuz che è quinti a +1″17, davanti a Matthias Mayer (+1″28) ma dietro a una super gara dell’austriaco Raphael Haaser che col 33 stava per finire sul podio. Un errore nell’ultimo tratto gli ha tolto questa gioia che rimane distante soltanto 2 centesimi! Ci ha provato anche l’elvetico Murisier che ha perso troppo nel finale, conquistando comunque un incredibile, per lui, quinto posto a 98/100 dal connazionale.

Dove Dominik Paris ha alzato bandiera bianca buttando via tutto, poco prima del tratto più pianeggiante. 15esimo a oltre tre secondi.

Poteva andare meglio a Christof Innerhofer che stava andando molto bene, ma il suo nome lo vediamo, purtroppo, nella lista dei non qualificati. È uscito per colpa di una classica scivolata. Fuori anche Emanuele Buzzi che proprio non riesce a trovare la giornata giusta.

Il migliore dei nostri è Riccardo Tonetti che con una discreta prova conclude al 12esimo posto. Poco più sotto Matteo Marsaglia, 16esima a +2″16

Il superG di Saalbach riaccende la lotta per la conquista della sfera di cristallo perché oggi Alexis Pinturault conquista solo la 15esima posizione aggiungendo 16 punti contro i 100 di Odermatt. E ora la differenza tra i due è di soli 81 punti quando mancano due giganti, due slalom, una discesa e un superG. Il francese dalla sua ha uno slalom in più, ma per come sta sciando l’elvetico…

Un po’ sfortunato Alexis perché il sole, dopo il 30, ha iniziato a rendere la visibilità più chiara snella prima metà del percorso e con una neve più veloce diversi atleti gli si sono messi davanti.
SuperG Saalbach il capolavoro

LA CLASSIFICA

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.