Gare

Swatch Skiers CUP 2011: Europa vs America 1-0

Sotto lo splendente sole del Cile, a 3900m, i 16 membri che rappresentano il meglio del world’s freeskiing si sono dati battaglia nell’immensa area raggiungibile solo in elicottero, adiacente al Valle Nevado resort. ?Una volta aperti i giochi, il team Europeo ha sovrastato il team Americas per 6 vittorie a 2 nella prima serie di 8 sfide, per la prova Big Mountain.   ?Il cileno Chopo Diaz (28 anni) ha risolto velocemente i giochi battendo il francese Seb Michaud con l’impressionane air con cui ha esordito in cima.

Un buon inizio, che ha subio piazzato il team America sullo scoreboards, poi seguito da Oakley White-Allen (USA) che ha strappato un altro punto, vincendo il duello con l’Australiano Chris Booth. ?La gloria ha però avuto vita breve, perché il team Europeo si è rifatto senza perdere tempo, aggiudicandosi tutti i successivi 6 punti nella Big Mountain competition . ?Una nota particolare va riservata a Henrik Windstedt (SWE) che si è dimostrato impeccabile nei 400m di discesa, droppando diversi cliffs e schiacciando così il diretto avversario, il canadese James Heim.  ?Successivamente il Team Europa non poteva buttare nella mischia niente di meglio che l’italiano Markus Eder (20 anni), che si è guadagnato onori e lodi dei Top Rider di entrambi i Team, scegliendo nella prova di Big Mountain una linea originale e sicurmente aggressiva. Mentre tutti i rider sfruttavano la parte centrale della parete, caratterizzata da ampie zone aperte con diversi livelli di drop, Markus ha cantato fuori dal coro spostandosi all’estrema sinistra della parete, sciando un canale con due drop centrali.?"L’avevo visto dall’elicottero" racconta Markus "e l’ho voluto fare. Ho titubato sulla scelta quando nell’ispezione dal basso non sono riuscito a studiarlo bene perchè lontan dalla visuale, ma una volta in cima sono entrato. Era pieno di neve e gli sluff mi trascinavano a valle, ma ho gestito bene i due drop e sono molto contento di aver portato il mio punto al Team Europa."?La discesa di Markus non ha lasciato dubbi ai giudci che, all’unanimità, l’hanno decretato vincitore del round contro Josh Bibby. I capitani sono rimasti veramente colpiti dalla strategia e dalla scelta di Markus, che in questo modo si è guadagnato un posto anche tra i big del Freeride..e non è più conosciuto solo come un "giovane jibber del Sud Tirolo" (queste le parole di Markus Abba, Team America Captain.)?Per il forte  rider del T eam America Dana Flahr (Canada), malgrado le forti aspettative, la battaglia è persa, a causa di  un drop da 15 metri affrontato in 360°  ma clamorosamente fallito

l suo rivale, Kaj Zackrisson, ha voluto far suo questo "high altitude event" senza discussioni, puntando spietatamente alla vittoria nell’ultima run di questo incredibile primo giorno di SWATCH SKIERS CUP Big Mountain. ?Le restrizioni di tempo della giornata hanno portato la competizione a un singolo round di 8 heat, e comunque c’è da dire che gli skiers si sono potuti prendere il loro tempo per affrontare un’impegnativa parete da 30-3 5°.

I risultati dei single round combaceranno quindi con quelli generali della Big Mountain competition e verranno così sommati a punteggi dell’imminente Backcountry Slopestyle event…

 Il leggendario shaper  David Ny ha lavorato molto per realizzare il percorso  per l’ultimo giorno di gara della SWATCH SKIERS CUP, in programma venerdì 9 settembre.

Il team America, composto da  freestylers di tutto rispetto, deve dare ora qualcosa in più per poter vincere la sfida che il team Europa gli ha lanciato forte e chiaro.

Quale team la spunterà alla fine di questa entusiasmante SWATCH SKIERS CUP?      

 

Risultati completi del primo giorno di gare: Big Mountain      

 

Team Americas : 2                                      1-0                  Team Europe : 6  

Chopo Diaz (CHI – 28)                                1-0                  Seb Michaud (FRA – 38)

Oakley White-Allen (USA – 32)                   0-1                  Chris Booth (AUS – 23)

Matt Margetts (CAN – 23)                            0-1                  Nicolas Vuignier (SUI – 20)

James Heim (CAN – 29)                             0-1                  Henrik Windstedt (SWE – 28)

Josh Bibby (CAN – 28)                                0-1                  Markus Eder (ITA – 20)

Rory Bushfield                                              0-1                  Richard Permin (FRA – 26)

Dylan Hood (USA – 27)                               0-1                  Sverre Liliequist (SWE – 39)

Dana Flahr (CAN – 29)                                0-1                  Kaj Zackrisson (SWE – 27)

 

Per maggiori informazioni: www.skierscup.com

 

Tags

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment