Gare

WJC Combinata, Azzurrini strepitosi, Franzoni è d’oro, Abbruzzese d’argento

WJC Combinata, Azzurrini strepitosi, Franzoni è d’oro, Abbruzzese d’argento
Splendidi i nostri Azzurrini, Giovanni Franzoni vince la medaglia d’oro nella combinata ai mondiali Junior e per sei centesimi la spunta su uno stratosferico Marco Abbruzzese che si mette al collo l’argento a pari merito con l’elvetico Franjo Von Allmen.

Tra l’atleta delle Fiamme Gialle e delle Fiamme Oro é stato un testa a testa incredibile, con Marco, 19enne della squadra C e non della B come Giovanni, bravissimo a rosicchiare al compagno di squadra 12 centesimi.
Ne servivano altri sei perché in superG la differenza tra loro era di 18/100, terzo Giovanni, quarto Marco, genovese, ma cresciuto nelle giovanili del Mondolé Ski team. Bello sapere di avere giovani col piglio della polivalenza!

L’elvetico era davanti a loro ma è riuscito a difendersi col decimo tempo in slalom, mentre il vincitore del superG, l’americano Isaiah Nelson non ha alcuna dimestichezza con lo slalom e crolla in 17esima posizione

Non male il recupero di Filippo Della Vite che non aveva disputato un superG al massimo delle sue possibilità. Con la 29esima piazza Ma tra i rapid gates, grazie a uno dei migliori tempi, il terzo è risalito fino alla settima posizione!

Ha fatto quello che ha potuto il giocane Gregorio Bernardi che proprio lo slalom non lo fa, come testimonia il tempo molto alto che gli ha fatto perdere tante posizione. Ottavo in superG è finito 26esimo.

Un bel salto è riuscito a farlo Gialorenzo Di Paolo che si p scaldato i muscoli in attesa del “suo” slalom: solo 47esimo nella prova veloce è stato 18esimo in slalom con la 24esima piazza finale. E così ne piazziamo ben quattro nei 30!

Non è riuscito invece, ad approfittare di un manto nevoso intatto Simon Talacci che è uscito ma dopo aver commesso quasi subito un erroraccio. WJC Combinata Azzurrini strepitosi

LA CLASSIFICA

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment