Gare

Zenere è settima nel primo gigante di Coppa Europa

Dalla nostra inviata Chiara Carratù: nel primo gigante di Coppa Europa, disputato a Trysil, Norvegia, Asja Zenere è settima. La vittoria è andata alla svedese Sara Rask grazie a una seconda manche in grande stile. Più che altro ha fatto molto meglio delle avversarie con le quali condivideva le prime posizioni nella manche d’apertura. Piazza d’onore per soli 6/100 di Rosina Schneeberger, Austria mentre l’elvetica Simone Wild che aveva chiuso in terata il primo atto, si è ritrovata al terzo posto a 15/100 dalla vittoria. Asja, come detto, è scesa dalla quinta alla settima posizione al termine di una seconda non proprio esaltate. Di mezzo ci si è messa un’altra svedese, Jonna Luthman che col miglio tempo di manche è risalita fino dal tredicesimo al quinto posto, alle spalle della norvegese Marte Monsen e davanti alla tedesca Leonie Floetegen, anche lei dopo una prova maiuscola. Luisa Bertani ha proprio sbagliato gara crollando in 18esima posizione appena dietro a Cillara Rossi.

Curiosità, la premiazione è stata postiticipata a domani per il cambio di programma. La gara infatti doveva partire questa mattina ma la pista non tenevas. Allora tutti gli allenatori, a turno, hanno passato la notte a bagnare la neve. I tecnici Azzurri, che avevano il turno dalle 23 alle 24 alla fine sono rientrati in hotel alle 4 del mattino. Ecco perché la gara è partita alle 17.30 del pomeriggio. Il lavoro ha pagato e la pista è diventata un biliardo. Infatti il tracciato è risultato velocissimo. La pista inizia con un breve tratto pianeggiante, poi un dosso e un cambio di direzione verso di direzione che immettew su un muro terribile!

Alla fine è venuto fuori un tracciato come di Coppa del Mondo. Dunque un bel test per tutte le atlete.

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.