Notizie

A Sölden parte la Coppa, Banca Generali è pronta a calare il suo “tris” d’assi

A Sölden parte la Coppa, Banca Generali è pronta a calare il suo “tris” d’assi.
Con l’inizio della Coppa del Mondo oltre alle squadre, c’è un’altro settore che vive il momento con grande emozione e non poca tensione. È quello del mondo dello sponsoring, senza il quale difficilmente lo show potrebbe vivere. Tra le grandi aziende che hanno deciso di investire nello sci, c’è Banca Generali, da diversi anni presente in Coppa del Mondo, con una formula sicuramente da apprezzare: affiancare alcuni atleti, protagonisti delle scene.

La numero uno del team di Banca Generali è sicuramente Federica Brignone, l’Azzurra più vincente di sempre nella storia con quelle 16 vittorie che l’anno scorso hanno eguagliato il record di Deborah Compagnoni. Poi Alex Vinatzer, il giovane più promettente dello sci italiano. Per ora ha brillato in slalom, ma da quest’anno si cimenterà anche tra le porte larghe del gigante.

Entrambi saranno al cancelletto di partenza della terribile pista Rettenbach di Soölden, sabato 23 ottobre (le donne) e domenica 24 (gli uomini).

Federica Brignone cerca il riscatto dopo una stagione in chiaroscuro in cui non è riuscita a bissare le prestazioni che nel 2019/20 hanno portato in Italia la prima storica Coppa di cristallo. Federica, testimonial di Banca Generali dal 2011, entra nella stagione con due obiettivi ben precisi: conquistare una medaglia i giochi olimpici di Pechino 2022 e staccare Deborah Compagnoni in quel magnifico primato.

In discesa, invece, da segnalare il rientro di Guglielmo “Gugu” Bosca dopo una stagione 2020/21 contraddistinta dall’ennesimo brutto infortunio. Il classe ’93, cadde a Reiteralm in una gara di Coppa Europa nel 2017, procurandosi la frattura scomposta di tibia e perone e seri guai ai tessuti.  Ci sono volute ben sette operazioni per tornare a camminare e a rimettere gli sci ai piedi. L’anno scorso ci ha riprovato dopo due anni di totale stop ma si è dovuto ancora una volta fermare cadendo a Bormio.

Nonostante questo calvario e di lunga assenza dal palcoscenico del Grande Sci Banca Generali ha continuato a seguirlo dimostrando di credere nei punti cardine dello sport e nella vita degli atleti, piuttosto che legarsi soltanto ai risultati. Quelli che quest’anno Gugu cercherà di conquistare! Banca generali calare tris

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.