Notizie

Anche il Ministro Daniele Franco alla premiazione degli atleti delle Fiamme Gialle

Anche il Ministro Daniele Franco alla premiazione degli atleti delle Fiamme Gialle.
Si è svolta oggi, a Roma, alla presenza del Ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, del Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Giuseppe Zafarana, del Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli, del Segretario Generale del CONI, Carlo Mornati, del Presidente di Sport e Salute, Vito Cozzoli, del Comandante del Centro Sportivo della Guardia di Finanza, Gen. B. Flavio Aniello e di numerosi Presidenti delle competenti Federazioni, la Cerimonia di premiazione degli atleti dei Gruppi Sportivi Fiamme Gialle che si sono particolarmente distinti per l’attività agonistica 2021 ed invernale 2021/2022.

Il ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco e il Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Giuseppe Zafarana

Sono stati premiati le medaglie olimpiche Sofia Goggia (sci alpino), Dorothea Wierer (biathlon), Andrea Cassinelli, Pietro Sighel, Arianna e Martina Valcepina (short track), Davide Ghiotto (pista lunga), Giacomo Bertagnolli e Andrea Ravelli (sci alpino paralimpico), i campioni europei Valentina Rodini, Simone Venier, Giacomo Gentili, Andrea Panizza e Luca Rambaldi (canottaggio), Martina Caironi (atletica paralimpica), i campioni mondiali juniores Assunta Scutto (judo), Alessandra Dubbini (vela), Elia Barp (sci di fondo), Giovanni Franzoni (sci alpino), Linda Zingerle (biathlon) e la primatista mondiale under 20 Larissa Iapichino (atletica).

L’evento si è aperto con la proiezione di un suggestivo video celebrativo dei successi relativi alla stagione agonistica 2021 e invernale 2021/2022. Un breve ed emozionante excursus dei successi recentemente consegnati all’immaginario collettivo degli sportivi italiani.

Momento clou della cerimonia è stata la consegna agli atleti dei brevetti delle ricompense di ordine morale da parte del Ministro e del Comandante Generale.

Ad aprire la serie di interventi che hanno caratterizzato la cerimonia, il Comandante del Centro Sportivo della Guardia di Finanza, Gen.B. Flavio Aniello che dopo una breve disamina tecnica dei successi degli atleti delle Fiamme Gialle in ambito europeo e mondiale ha sottolineato l’importanza degli eventi futuri che porteranno alle Olimpiadi e Paralimpiadi estive e invernali di Parigi 2024 e Milano-Cortina 2026.

Ha sottolineato quanto gli atleti delle Fiamme Gialle, durante il periodo delle restrizioni dovute all’emergenza Covid, sono stati esemplari nel riadattarsi ai nuovi obiettivi temporali e ai nuovi ritmi di allenamento.

Giacomo Bertagnolli e la guida Andrea Ravelli

A seguire gli interventi, il Segretario Generale del Coni, Carlo Mornati, ha evidenziato quanto le vittorie degli atleti delle Fiamme Gialle abbiano contribuito ad una stagione storica per lo sport italiano. Il Presidente del Cip, Luca Pancalli ha invece elogiato la capacità degli sportivi di proiettarsi nel futuro e pianificare gli obiettivi a lungo termine. Entrambi si sono congratulati con gli atleti presenti per i formidabili successi raggiunti nelle competizioni internazionali che li hanno visti protagonisti.

La premiazione di Dorothea Wierer

Il Comandante Generale ha ricordato l’impresa compiuta da Sofia Goggia e gli straordinari risultati di Giacomo Bertagnolli alle recenti Olipiadi e Paralimpiadi e le brillanti affermazioni degli altri atleti dei Gruppi Sportivi campioni nella vita e nello sport, esempio per tutti i giovani.

A chiudere gli interventi, il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco che dopo aver ringraziato le Autorità e gli ospiti presenti, ha espresso soddisfazione per i successi ottenuti dagli atleti delle Fiamme Gialle nelle loro discipline sportive e ha sottolineato come lo sport debba essere veicolo di inclusione e di sinergia fra le varie Istituzioni per ottenere eccellenti risultati e raggiungere qualsiasi obiettivo: “Gli atleti delle Fiamme Gialle, proprio per questo, sono un esempio per tutti e una testimonianza per l’intero Paese”.

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment