Umberto Capitani, gestore delle piste e degli impianti Sifas sul ghiacciaio dello Stelvio
Notizie

Capitani: nessun allarmismo, si segue il protocollo e si continua a sciare

Interviene Umberto Capitani, il Signor Stelvio, per tranquillizzare la situazione: “Nessun allarmismo, si segue il protocollo e si continua a sciare“. Questo in sintesi ciò che ci ha raccontato dal “suo” hotel Livrio dove ci sono gli Azzurri per l’ultima fase di allenamento.

“Se io non procedessi regolarmente con i controlli prima di azionare la funivia e si dovesse rompere qualcosa, sarebbe un problema. Ma, ci mancherebbe, li faccio regolarmente seguendo le procedure. Allo stesso modo la Fisi ha seguito il protocollo studiato per assicurare l’incolumità di tutti. E di problemi non ce ne sono.

Basta gestire le cose per bene, senza panico, patemi, e soprattutto con intelligenza e possiamo proseguire la stagione.

L’accordo con la Fisi scade il 30, dopodiché il Livrio sarà a disposizione di tutti?
Certamente sì. Se non intervengono misure particolari alla luce di quanto accaduto, il Livrio sarà regolarmente aperto. Significa che si manterranno rigorosamente le regole imposte.

Poi tutti qua sanno che non scherzo perché ho gli stessi gradi dei… Capitani!!! Passami la battuta, ma il fatto è che i ragazzi degli sci club sono anche i miei ragazzi. Cioè, è come se lo fossero.

Non mi lascio scappare niente! Dunque, non si pensi che sia un facilone purché lo Stelvio si riempia di sciatori. Chi si comporta male, chi non indossa mascherina e guanti in funivia e non mantiene le distanze stabilite, sul ghiacciaio non sale! 

Hai avuto disdette?
Più che altro qualche telefonata per avere rassicurazioni

Quindi si torna a sciare?
Veramente non si è mai smesso a parte domenica mattina le squadre nazionali. Ma meno male. Ripeto, significa che i protocolli messi in campo funzionano bene! Mi sarei stupito se si fossero prese decisioni diverse.

 

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.