Notizie

Cortina2021, le prime reazioni di Fede, Sofia e Vinatzer

Appresa la bella notizia che i Mondiali di Cortina2021 sono confermati nelle date originarie, ecco le prime reazioni di Fede Brignone, Sofia Goggia e Alex Vinatzer.

Federica Brignone: “Sono molto contenta che la Fis abbia confermato i Mondiali nel 2021 soprattutto per Cortina, perché dopo avere saltato le Finali dello scorso mese di marzo si merita un evento così importante nella data fissata originariamente.

Si sono impegnati davvero tantissimo. Dal punto di vista di un atleta, disputare eventualmente nel 2022 due grandi eventi come Olimpiadi e Mondiali nello spazio di così poco tempo avrebbe creato qualche problema: è bello che tornino le date originarie.

Dal punto di vista della mia carriera agonistica sono anni positivi e ho veramente voglia di fare un grande risultato in casa, spero davanti a tutti i tifosi. Non vedo l’ora di essere in pista”.

Sofia Goggia: “Sono soddisfatta che i Mondiali siano stati confermati alla prossima stagione. Cercherò di prepararmi al meglio e innanzitutto guadagnarmi il posto. Perché nella nostra squadra ci sono tante ragazze forti, tutte in grado di aspirare al quartetto della velocità.

La qualifica non è scontata. Sono contenta per Cortina perché ospiterà il primo grande evento internazionale dopo l’epidemia di coronavirus. Visto anche lo spostamento delle Olimpiadi estive di Tokyo.

Sarà un appuntamento importantissimo e una grande festa per lo sci, la squadra italiana farà di tutto per farsi valere e mostrare il proprio valore”.

Alex Vinatzer: “Credo sia quello che un po’ ci si aspettava. Per me non cambia molto: sono super carico per il fatto di poter gareggiare in casa e spero che sia un bell’evento per tutti”.

Massimo Rinaldi (ds sci alpino italiano): “Le infrastrutture sportive sono in via di ultimazione sulle piste di Cortina. E ovviamente nelle modalità richieste da parte dei tecnici della Federazione internazionale.

Ci auguriamo che tutto proceda per il meglio e che sia un Mondiale indimenticabile per lo sport italiano e la Nazione intera”.

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.