Notizie

Flavio Roda: “Tre big events e un sogno”

Alla Terrazza Martini di Milano è stata presentata la stagione degli sport invernali con lente di ingrandimento sui tre grandi eventi che l’Italia ospiterà nei prossimi tre inverni. E il sogno di Milano-Cortina 2026 che potrebbe diventare realtà

Tre anni di fuoco aspettano la Fisi e le montagne italiane, con i Mondiali Junior della Val di Fassa a febbraio 2019, quelli di biathlon ad Anterselva nel 2020 e Cortina 2021, Mondiali di sci alpino che torneranno in Italia 16 anni dopo l’edizione di Bormio 2005. Bormio e Cortina, unite da un filo invisibile che potrebbe diventare un cordone importante e farle tornare protagoniste nel 2026, se la candidatura Milano-Cortina passasse l’esame del Cio per un’Olimpiade invernale che farebbe un gran bene alle montagne italiane e al mondo degli sport invernali. Un sogno? Ci si crede, si spera, ma al momento c’è altro a cui pensare, alla stagione che partirà fra pochi giorni a Sölden, confermata dopo l’ultimo controllo della Fis.

FISI in Tour 2018, Conferenza Stampa, Presentazione Mondiali Cortina 2021.

 

A causa dello scarso innevamento vedremo una pista un po’ diversa, con il lungo piano finale raddrizzato verso il traguardo e di conseguenza ridotto come lunghezza. Pronti via, ci siamo quasi, con le squadre azzurre e non solo a caccia di condizioni decenti sui ghiacciai alpini per l’ultima rifinitura e il Presidente Flavio Roda ottimista, per forza di cose. «Non vediamo l’ora di ricominciare, abbiamo squadre forti, la Fisi è molto cresciuta negli ultimi anni ed è in buona salute (anche economica, ndr). C’è grande entusiasmo attorno ai nostri atleti, i veri protagonisti di questa crescita assieme ai loro tecnici». Qualche numero? «Negli staff delle varie squadre di tutte le nostre discipline, medici compresi, la Fisi ha a contratto 287 persone per un budget totale di 5 milioni di euro. Gli atleti da seguire sono 380».

FISI in Tour 2018, Conferenza Stampa, Presentazione Mondiali Flavio Roda.
Milano, 18 ottobre 2018
Photo: Alessandro Trovati /Pentaphoto

E a loro va il nostro grande in bocca al lupo per la stagione che per quanto riguarda lo sci alpino vedrà il suo clou a febbraio con i Mondiali di Åre, in Svezia. Ma ogni tappa sarà importante e anche noi non vediamo l’ora di ripartire!

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment