Notizie

Garmisch ci risiamo, annullata la prova della discesa maschile

Garmisch ci risiamo, annullata la prova della discesa maschile
Garmisch è un gran bel posto, però inizia ad andare di traverso a un bel po’ di gente. Si ironizza, ovviamente, ma la stazione tedesca, la più celebrata tra le ski aree del paese, è inseguita dal brutto tempo. Oggi avrebbe dovuto disputarsi la rima prova cronometrata della discesa maschile di domenica 6 febbraio, preceduta dal superG di venerdì 5. Ma niente da fare, nebbia e nevischio impediscono alla giuria di dare il via. Ci si riproverà domani.

La rappresentativa italiana è composta da 9 velocisti: Dominik Paris, Christof Innerhofer, Emanuele Buzzi, Matteo Marsaglia, Florian Schieder. Riccardo Tonetti, Guglielmo Bosca (al rientro dopo l’infortunio al ginocchio destro nella prima prova della discesa di Bormio). Nicolò Molteni e Pietro Zazzi.
È convocato come apripista anche Mattia Casse che torna ad “annusare” aria di Coppa dopo l’infortunio dello scorso novembre a Cervinia, quando il piemontese si ruppe l’astragalo del piede sinistro, incidente molto fastidioso per un atleta che proprio nella scorsa stagione era riuscito ad esprimere i migliori risultati della carriera.

La Kandahar di Garmisch ha regalato all’Italia 20 podi nella storia della Coppa del mondo, di cui però solo tre vittorie: Innerhofer in discesa nel 2013, Werner Perathoner nel 1996 in superG e Patrick Holzer, sempre in superG, nel 1992. Ci sono poi 9 secondi posti, l’ultimo in ordine temporale è quello di Dominik Paris nella discesa del 2018, e 8 terzi posti. Curiosità: uno dei terzi posti fu di Alberto Ghidoni, l’attuale dt della Nazionale, nel superG del 1987.

Il circus si presenta al doppio appuntamento di Garmisch con una classifica di discesa piuttosto stretta e guidata da Beat Feuz con 326 punti, contro i 298 di Matthias Mayer e i 217 di Johan Clarey. Paris è quinto con 188 punti. In superG guida Vincent Kriechmayr con 241 punti, davanti a Mauro Caviezel con 225 e ad Alexander Aamodt Kilde con 172. Gli ultimi due sono entrambi infortunati e fermi ai box, per cui altri nomi potranno subentrare nella top 3. Il primo degli azzurri è Christof Innerhofer 11/o con 87 punti. Garmisch ci risiamo annullata

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.