Notizie

Giovanni Franzoni: “Grazie anche a Peter Fill che è qui con me e…”

Giovanni Franzoni racconta la sua medaglia d’oro nel superG dei Mondiali junior di Bansko: “Grazie anche a Peter Fill che è qui con me e…”

“E’ bellissimo perché il mio obiettivo per quest’anno erano sicuramente queste gare e partire con un oro è davvero importante. E’ stata dura perché ho sbagliato tanto nella parte centrale, però era una gara corta per cui bisognava cercare di spingere al massimo. Alle finali farò il mio esordio in superG in Coppa del mondo ed è un altro bel traguardo. Voglio ringraziare tutto lo staff perché è stato davvero un risultato di squadra: fisioterapisti e dottori che mi hanno aiutato dopo i problemi avuti a Cortina, il mio skiman, il direttore tecnico Massimo Carca, la Fisi, le Fiamme Gialle, e Peter Fill – l’ultimo a vincere questa medaglia – che è qui con me e mi ha dato consigli. Nei prossimi giorni ci sono altre gare e spero che anche i miei compagni possano fare buoni risultati e che riusciamo a portare a casa un bel bottino”.

“E’ bellissimo perché il mio obiettivo per quest’anno erano sicuramente queste gare e partire con un oro è davvero importante. È stata dura perché ho sbagliato tanto nella parte centrale, però era una gara corta per cui bisognava cercare di spingere al massimo.

Alle finali farò il mio esordio in superG in Coppa del mondo ed è un altro bel traguardo.

Voglio ringraziare tutto lo staff perché è stato davvero un risultato di squadra: fisioterapisti e dottori che mi hanno aiutato dopo i problemi avuti a Cortina, il mio skiman, il direttore tecnico Massimo Carca, la Fisi, le Fiamme Gialle, e Peter Fill – l’ultimo a vincere questa medaglia – che è qui con me e mi ha dato consigli.

Nei prossimi giorni ci sono altre gare e spero che anche i miei compagni possano fare buoni risultati e che riusciamo a portare a casa un bel bottino”. Giovanni Franzoni Grazie anche

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.