Notizie

Il “Cala” Carlo Alberto Cimenti muore con un amico sotto una valanga

Il mondo dell’alpinismo piange la scomparsa di Carlo Alberto  “Cala” Cimenti, che assieme a un amico, Patrick Negro, di Pragelato, è finito oggi sotto a una valanga nella zona del Sestriere.

Il distacco è avvenuto snella zona della Cima del Bosco, un canale di grandi dimensioni che sfocia nella valle Argentera, quindi tra Cesana e Sauze di Cesana. Sono stati entrambi ritrovati grazie al segnale dell’Artva ma sotto diversi metri di neve.

L’allarme è stato fatto scattare dai famigliari che non li hanno più visti arrivare. I soccorsi sono scattati immediatamente con decine di persone tra  carabinieri di Sestriere, volontari del soccorso alpino e della Guardia di finanza, utilizzando anche l’eliambulanza del 118.

Il Cala era un mito dell’alpinismo mondiale. Aveva scalto alcuni tra gli ottomila più impervi del pianeta. Non ultimo il Nanga Parbat, nel Karakorum pakistano. Ironia della sorte ha trovato la morte in una escursione che aveva fatto tantissime volte.

Il Cala avrebbe compiuto 46 anni domenica, mentre Patrick ne aveva 49. Torinese, ‘Cala’ Cimenti a 12 anni, grazie al padre, era già in cima al Monte Bianco e pochi anni dopo ha compiuto le sue prime esperienze di alta quota sull’Ojos del Salado, Kilimanjaro e alcune montagne sopra i 6000 metri in Nepal.

Tra le sue «imprese» la conquista della cima del Cho Oyu nel 2005, l’Ama Dablam nel 2010 (dal campo base alla cima e ritorno in 26 ore), la cima del Manaslu e la discesa con gli sci nel 2011 senza l’ausilio dell’ossigeno.

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.