Notizie

Il concerto di Natale di Andrea “Casta”, lo sciatore del violino magico

Il concerto di Natale di Andrea “Casta”, lo sciatore del violino magico
Andrea Castagnetti è uno sciatore pazzo di pieghe fino al midollo. Ma è anche un artista assolutamente unico, come quei pochi  che sanno sfruttare il talento inventando qualcosa di speciale.

Ebbene, attingendo da un indiscutibile colpo di genio, ha messo a frutto anni di studio con il violino, passando a quello elettrico. E quell’arte antica di suonarlo l’ha messa a disposizione della musica di oggi o del nostro tempo.

Qui un paio di esempi:

Per questo oggi è tra i musicisti più gettonati quando c’è bisogno di dare un pizzico di verve ed esclusività a un evento.

E quale se non il Natale. E allora ha lasciato perdere ogni tipo di invito per costruire il suo concerto di Natale. Dove arte, cultura e devozione alla festività si uniscono alla perfezione.

Così, a San Luigi Dei Francesi, nel cuore di Roma, ci sarà il magico concerto di Natale del violinista Andrea Casta & Friends. Proprio così, una della più belle chiese del mondo ospiterà lo spettacolo che andrà in diretta streaming il 23 dicembre alle 21.30.



Si chiama Your Christmas Concert 2020  by Andrea Casta & Friends, dove la nuova frontiera del live-streaming sancisce l’incontro di arte sacra, musica pop e collaborazioni tra giovani musicisti.

Il 23 dicembre 2020 alle 21.30 tutti potranno accedere “virtualmente” nella chiesa di San Luigi dei Francesi a Roma.

Che è una tra le più belle al mondo, dove, tra altri tesori artistici, è custodito il ciclo pittorico su San Matteo, opera di Caravaggio, per un magico viaggio tra musica, arte e bellezza.



Il violino elettrico di Andrea Casta sarà accompagnato dalla cantautrice Martina Attili, stella della nuova generazione nata a X-Factor, il giovane chitarrista elettrico Jacopo Mastrangelo, che dalla terrazza della vicina Piazza Navona è diventato uno dei protagonisti della musica ai tempi del Covid-19, e da Davide Gobello, chitarrista e produttore in ascesa nella scena pop italiana. 

Sotto l’egida dei registi Loren e Ervin Bedeli, già compagni di avventura di Casta in videoclip di successo, si snoderà un viaggio tra i classici pop del Natale come Happy Christmas di John Lennon, inediti omaggi classici come l’Ave Maria di Schubert, e versioni acustiche del repertorio di Casta tratto da The Space Violin Project, con titoli come Birth e Double Sun.



Andrea Casta è diventato uno dei testimoni della musica che non si arrende alla pandemia: negli ultimi anni ha avuto un ritmo di 200 concerti all’anno e 28 nazioni visitate esportando il “Made in Italy in musica”. Ma da marzo 2020 ha dovuto reinventare il suo contatto col pubblico, prima con l’unico tour dal vivo sotto lockdown “Sotto lo Stesso Cielo” nelle periferie romane. Poi aprendo con le sue performance le partite della Lazio allo Stadio Olimpico a porte chiuse e coinvolgendo esponenzialmente una platea online sempre più vasta con innumerevoli iniziative sui social network.



Casta guiderà lo spettatore in una visita intima, esclusiva e notturna in questo cap da vivere insieme. Il biglietto virtuale ha il vantaggio di garantire, con un solo accesso, la visione alla famiglia riunita.

Inoltre sono favoriti gli acquisti di pacchetti per donare il concerto come regalo di Natale, e in questo modo sostenere gli eventi musicali, comparto tra i più colpiti dall’emergenza sanitaria.


Durante la diretta del 23 dicembre sarà possibile anche commentare e scambiarsi gli auguri in diretta, aspetto considerato ancora elemento di sperimentazione per questa nuova frontiera dei concerti.

Al termine delle canzoni Andrea si intratterrà in diretta in un “meet and greet” virtuale che sarà possibile grazie alla piattaforma digitale progettata da Micromegas, azienda leader nel settore della comunicazione integrata che produce l’evento.


Biglietti su Oooh.events https://bit.ly/XmasLive2020

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.