Notizie

Il “cortese” invito di Peter Schröcksnadel ai negazionisti dello sci

Alza la mano e un pochino anche la voce, il Presidente della Federazione austriaca Peter Schröcksnadel che assieme a Richard Walter (scuole sci) firma un cortese invito ai paesi negazionisti dello sci.

Stiamo seguendo da vicino la discussione pubblica sull’inizio della stagione invernale. È chiaro a tutti noi che gli sport invernali devono dare un contributo importante al contenimento della pandemia. Abbiamo anche il più grande interesse che lo sci nell’inverno 2020/21 non dia luogo a ulteriori infezioni da Covid-19.

Le aziende si stanno preparando da settimane per garantire agli appassionati di sport invernali in Austria la migliore sicurezza possibile. Esistono concetti di igiene rigorosi, limitazioni di spazio, sistemi di guida, telecamere per il controllo a distanza, sistemi di ventilazione, personale qualificato e capacità di prova.

L’esperienza di importanti infettivologi e virologi è disponibile per valutare i potenziali pericoli. Gli sforzi e la disciplina dei turisti hanno già dimostrato il loro valore la scorsa estate. Ad esempio, in Tirolo si sono verificate solo 55 infezioni accertate su 3 milioni di pernottamenti.

È con crescente preoccupazione che stiamo registrando una campagna internazionale contro gli sport invernali guidata dai principali responsabili politici dei nostri paesi vicini. La demonizzazione del turismo invernale tutt’altro che basata sull’evidenza ci sembra un atto sostitutivo impotente.

Inoltre, fornisce implicitamente l’accusa che quei paesi che stanno pensando di aprire i loro impianti di sport invernali avrebbero agito in modo irresponsabile.

Apprezziamo ancora di più il fatto che il governo federale austriaco sia in grado di resistere alle pressioni di Roma, Parigi e Berlino / Monaco. E chiariamo che si tratta di una decisione sovrana austriaca.

Anche la Commissione Europea ha reso inequivocabilmente chiaro di non avere competenza sul tema in discussione. Anche una sostituzione finanziaria non potrebbe compensare la salute pubblica.

Non c’è dubbio che i problemi di salute siano una priorità. È stato dimostrato che l’esercizio all’aria aperta ha un’influenza positiva, soprattutto in periodi di stress fisico e mentale.

Ciò è particolarmente vero per i giovani. Lo sport popolare fa parte della nostra vita sociale, rafforza il sistema immunitario e ha un effetto duraturo sulla salute.

E costituisce la base necessaria per lo sport competitivo. Gli sport invernali non possono essere equiparati al turismo di festa e all’après-ski sfrenato. C’è consenso sul fatto che questo non accadrà più questo inverno.

A nome di centinaia di migliaia di dipendenti durante gli sport invernali, ci appelliamo a non lasciarvi scoraggiare dalla vostra linea coerente.

Vi chiediamo quindi di continuare a fare campagna per gli sport invernali e di garantire che l’inizio della stagione sia possibile senza indugio. Lo sci è la vera base del turismo invernale. Promettiamo che faremo la nostra parte per garantire che l’Austria diventi la nazione sciistica numero uno anche quest’inverno.

Peter Schröcksnadel, presidente dell’Associazione austriaca di sci
Richard Walter, presidente dell’Associazione austriaca della scuola di sci Il cortese invito di

 

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.