Notizie

Il giorno dei superG, ma la nebbia tieni tutti in sospeso

Oggi sarebbe il giorno dei superG e il condizionale è d’obbligo perché non v’è certezza che sarà dato il via considerando la nebbia presente in alto e che pertanto tiene tutti in sospeso. La prima mossa della giuria è stata quella di abbassare lo start eliminando il tratto iniziale.

Ha nevicato più del previsto (circa 20 cm) e ora il programma rimane in sospeso fino alle 9:30, ora della prossima decisione presa alle 8,30. Se ci sarà il miracolo bisogna mettere in conto l’eventualità di una seconda ricognizione che potrebbe partire alle ore 10:00. La partenza delle donne sarebbe rimandata alle 13:00, quella degli uomini alle 14:00. Le previsioni meteo parlano di qualche colpo di vento in arrivo, che aiuterebbe a mandar via le fantozziane nuvole basse, presenti, di fatto, solo sulla pista Beltrametti!

Questa danza la conosciamo già e purtroppo i precedenti ci portano a pensare a un “Race cancelled”! Intanto si prova coi gatti, a eliminare la neve accumulato a bordo pista.

Stiamo parlando di una gara che prevede, tra maschi e femmine, un totale di 45 atleti, 24 donne e 21 uomini. Tra quest’ultimi anche il nostro Giovanni Franzoni che si trova a Lenzerheide grazie alla medaglia d’oro conquistata ai Mondiali Junior. Sarebbe proprio una bella vetrina dove mettersi in mostra, sempre che la visibilità lo conceda.

Emozioni per le coppe di specialità non ce ne saranno. Lara Gut-Behrami l’ha già stravinta, dopo aver conquistato. Ne ha vinti 4, una volta seconda e una quinta, per un totale di 7 superG se anche questo potrà vedere la luce. Sono troppo pochi per la fuoriclasse elvetica che ieri, in risposta alle domande dei giornalisti, ha sottolineato con il graffio nella voce, come la conquista della Coppa del Mondo sia sbilanciata nella distribuzione delle specialità. “Cinque superG e nove slalom, di che stiamo parlando?“. Un errorino nei calcoli ci sta, ma ieri era davvero indispettita.

Oggi partirà col 7, dopo Curtoni (3) e Brignone (5). Federica un compito ce l’ha: conservare la piazza d’onore, insidiata da un bel gruppetto di avversarie. Tra tutte Corinne Suter le sta addosso con sole 13 lunghezze da recuperare, poi Tippler e Ledecka. Marta Bassino può fare ancora in tempo per acciuffare il terzo posto. Col 15 sul petto servirà però un vero e proprio exploit. In partenza anche Francesca Marsaglia col 19.

In campo maschile Vincent Kriechmayr non ha ancora la matematica certezza, ma bastano pochissimi punti per portarsi a casa la coppa.

Solo Marco Odermatt potrebbe riuscirci ma deve accadere un disastro in pista perché L’austriaco se la faccia portar via, dal momento che i punti di vantaggio sono ben 83. Certo, lo svizzero scenderà col coltello tra i denti. Deve mettere più punti possibili tra lui e Alexis Pinturault. Anche se con un percorso più corto il francese diminuisce di mokto questo rischio.  Al via, oltre a Giovanni Franzoni che indosserà l’ultimo pettorale, il 21, ci saranno anche Dominik Paris (16) e Christof Innerhofer (13).
Rimaniamo comunque in attesa delle decisioni della Fis. Si partirà? Il giorno dei superG

 

L’ORDINE DI PARTENZA FEMMINILE

L’ORDINE DI PARTENZA MASCHILE

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.