Notizie

Il tour del Presidente Menegon

Ben ritrovati a tutti gli affezionati lettori di Sciare ed anche FISPS si congratula con l’intero team della redazione per l’importante traguardo raggiunto: 50 stagioni di vita con ben 682 numeri pubblicati!
Numeri importanti per il magazine che parla delle nostre montagne e che si è mantenuta a passo coi tempi, per la gioia dei nostri lettori.
Come ogni anno è tradizione della Federazione Italiana Sicurezza Piste Sci iniziare la stagione facendo il punto sulla situazione dei vari proclami lanciati l’anno scorso, da novembre in avanti, quando è stato eletto il nuovo presidente. Non vorremmo per nulla al mondo essere annoverati nella categoria dei «ciarlatani»!
Dalla sua elezione fino ad oggi Antonio Menegon ha percorso circa 10.000 Km in giro per l’Italia e visitato diverse sezioni regionali. In tal modo si è reso conto delle varie situazioni presenti lungo tutto il nostro arco alpino ed appenninico dove la nostra Federazione presta servizio di sicurezza e soccorso sulle piste.
Fin dal primo intervento dopo la sua elezione, Antonio aveva parlato chiaro e tra le priorità aveva inserito alcune modifiche statutarie e regolamentari per permetterci di essere aggiornati all’importante momento che stiamo vivendo e la seconda una verifica con la nostra Scuola Nazionale, fiore all’occhiello di FISPS, circa le linee guida e i sistemi di preparazione e certificazione dei pattugliatori, adeguati ai tempi attuali; quindi una verifica attenta e puntuale al territorio tutto.
La Federazione ritiene questi passaggi obbligatori e necessari per iniziare l’iter burocratico amministrativo, per la certificazione e riconoscimento al quale puntiamo da molto tempo e da molti oramai non più sottaciuti, ma al contrario accreditati ed attribuiti.
È con questo spirito che il Presidente, oltre alla famiglia ed alle valigie, ha portato con sé in vacanza anche il nostro statuto ed iniziato un lavoro di ammodernamento, snellimento e semplificazione delle varie procedure, senza stravolgerle, che alla fine dovranno passare al vaglio della commissione interna per la loro approvazione. Lo scopo è di presentare il nuovo regolamento durante la consueta assemblea che si terrà alla fiera di Modena e ricevere l’approvazione definitiva.
Un lavoro ambizioso, ma sicuramente necessario per le nuove sfide a cui andremo incontro nelle prossime stagioni.
Durante l’ultimo Consiglio Direttivo tenutosi a Pratospilla, prima della pausa estiva, il gruppo ha già approvato alcune importanti novità. La prima è stato l’aumento della quota sociale, ritenuto necessario per gli obiettivi che FISPS intende perseguire a livello nazionale.
Altra bella notizia che necessariamente deve preventivamente essere vagliata per l’approvazione del Consiglio sono le nuove richieste di affiliazione di 4 gruppi corposi che vorrebbero entrare a far parte di Fisps.
Infine il terzo importante traguardo raggiunto, aggiungerei faticosamente come d’altra parte in ogni altro contesto federale, è stata la stipula di un’unica assicurazione a copertura dei nostri servizi invernali ed estivi (servizio di soccorso sulle piste di downhill) per infortuni, per responsabilità civile e tutela legale. I vantaggi sono certamente maggiori rispetto all’impegno richiesto alle sezioni regionali per riorganizzare l’assetto assicurativo all’interno delle proprie realtà locali. Un plauso quindi alle sezioni per aver recepito il messaggio ed aver condiviso l’intera disamina che ha richiesto molto tempo alla segreteria nazionale per riordinare le informazioni ricevute e formare un capitolato di quanto fosse necessario includere e considerare nella polizza.
Il primo commento a caldo del nostro presidente è stato: «È stato certamente un primo timoroso passo avanti verso la normalità».
Pertanto un’estate calda e rovente a bordo del suo mezzo a macinare strada per il Gruppo, tenendo il «timone a dritta» come un provetto e saccente capobarca con il suo equipaggio in mare.

Tags

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment