Notizie

Innerhofer e il merchandising

Cover per qualsiasi smartphone, tazze da te e cioccolata, portachiavi, t-shirt, foulard, borse a tracolla… l’immagine di Christof Innerhofer viaggia ora su oggettistica di ottima fattura, commercializzata on-line dalla Cottbus, azienda specializzata in merchandising per lo sport.
Grazie a questa nuova collaborazione i tifosi di Christof potranno ordinare i gadget che preferiscono con l’immagine del loro eroe.
Ce lo ha comunicato Ideeuropee, l’agenzia di Andrea Vidotti, che ne cura l’immagine, con una dichiarazione del Campione Azzurro:  “Sono contento di questa iniziativa, l’ho fatto per i tifosi che spesso mi facevano richieste di avere dei prodotti con la mia immagine. Quando ero piccolo sognavo anch’io di avere degli oggetti del mio idolo Alberto Tomba, per cui quando mi hanno contattato ho pensato che sarebbe stata una cosa carina per i tanti fans che mi seguono e per la mia immagine. Ci ho lavorato sodo durante l’estate e ho seguito direttamente le grafiche e le immagini. Spero che sia una cosa gradita dai miei fans“.
Schermata 2015-08-26 alle 17.25.37

Il finanziere di Gais ha da sempre un buonissimo rapporto con i suoi tifosi, Il suo Fan Club e’ uno dei più numerosi della Coppa del Mondo, conta più di 1.100 iscritti, tra cui anche tedeschi, svizzeri, austriaci, lussemburghesi.
Ogni anno vengono organizzate due feste, una ad aprile con la gara di sci ed una estiva a settembre con una camminata allo Speikboden.
Inner segue personalmente i suoi Social Network: Facebook, Instagram, Twitter, con i quali riesce ad avere un’interazione diretta con il suo pubblico. I followers aumentano giorno, dopo giorno.
Nella sua casa a Gais arrivano ogni giorno lettere con richieste di autografi, a cui risponde personalmente inviando le cartoline con la sua firma. Ora quesa opportunità. Per eventuali ordini o semplicemente dare un’ochiata CLICCA QUI

 

Schermata 2015-08-26 alle 17.26.08

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment