Notizie

La continua crescita dello Sci Club Drusciè Cortina

Dal 1996, l’anno della sua nascita, lo Sci Club Drusciè Cortina è in continua crescita, sia dal punto di vista sportivo sia dal punto di vista gestionale.

Una società che nel panorama dei club italiani che si dedicano all’attività agonistica giovanile è divenuta ormai un punto di riferimento sia grazie ai successi ottenuti dai suoi ragazzi. ma anche per l’organizzazione e la gestione che hanno in Crescita, Socializzazione e Formazione gli indirizzi basilari in cui incanalare le risorse.

Infatti il Druscié porta avanti da sempre una visione peculiare dell’attività sportiva. Dove la grande passione per gli sport invernali si traduce in un percorso agonistico che aspira a coniugare divertimento, integrazione sociale, senso di appartenenza e amore per la natura.

Ed è proprio Flavio Alberti, presidente del Drusciè, che racconta questo percorso. «Lo Sci Club Drusciè nasce il 30 settembre 1996 su iniziativa di un gruppo di amici . Condividevano esperienze, ma soprattutto valori. Ovvero volontà di preservare il divertimento dalla mera competizione, passione per lo sport all’aria aperta e amore per la conca ampezzana».

Ad oggi il sodalizio di Cortina d’Ampezzo è uno dei più autorevoli in Italia delle discipline sportive invernali, in grado di coniugare la passione per lo sport con un’elevata professionalità tecnica e manageriale.

«Una vera e propria missione – continua Alberti – fortemente condivisa, che guida ogni giorno le scelte istituzionali.

Questo si affianca ad una specifica visione, al coraggio e alle competenze necessarie per promuovere e sviluppare l’impegno sportivo, sociale, educativo all’interno del territorio.

Grazie alla pratica sportiva abbiamo l’obiettivo di formare atleti che siano protagonisti e consapevoli del proprio ruolo, non solo nello sport, ma soprattutto nella società.

Simone De Martin, atleta del Druscié, vincitore dell’ultima Coppa Veneto – categoria Giovani

 

Sul piano sportivo, l’impegno degli atleti ha permesso la conquista di sei medaglie (con due preziosi ori) agli Italiani e tre medaglie in campo internazionale Internazionali.

Altri due grandi argenti sono arrivati dai Campionati Italiani di Snowboard e dalla Coppa del Mondo di sci alpino. In quest’ultima competizione, per merito di un nostro atleta paralimpico Renè De Silvestro.

In aggiunta, un atleta dello Sci Club Druscié è stato selezionato e farà parte alla Squadra Nazionale Italiana di Skicross, mentre due atleti dello sci alpino sono stati ingaggiati dal Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro.

Grandi risultati dai quali ripartire per raggiungere con sempre maggiore passione e impegno nuovi successi.
Dal punto di vista gestionale, tra le principali attività, si continuano a cogliere i benefici (economici e organizzativi) che derivano dall’adozione della Lean Sport Service. È avvenuta qualche anno fa ed è ormai fortemente condivisa tra tutti i membri dell’associazione».

Nella stagione 2018-2019, il Club ha avviato il processo di digitalizzazione 4.0 in ambito amministrativo. Questo porterà ad una semplificazione dei procedimenti amministrativi promuovendo un maggiore coordinamento delle competenze a vantaggio di diversi stakeholder.

«I traguardi raggiunti nei diversi ambiti – ci dice il presidente – contribuiscono, anno dopo anno, alla creazione di valore per i nostri stakeholder, per il Club, per il territorio in cui operiamo.

Ed è proprio questo valore condiviso che si sviluppa anche grazie alle relazioni fiduciarie instaurate con i nostri stakeholder. Vale a dire, i soci, gli allenatori, i partner e gli sponsor, i fornitori, l’amministrazione locale e, non da ultimo, la collettività.

Tutte le azioni messe in atto sono il risultato del coinvolgimento delle persone che collaborano con l’associazione con passione, tenacia e professionalità.

Da quest’anno lo Sci Club Druscié redige per la prima volta il proprio Bilancio di Sostenibilità. Si tratta di una scelta dettata dalla volontà di rispettare i criteri di trasparenza e verificabilità del nostro operato.

Infatti, attraverso questa prima edizione, vogliamo comunicare ai nostri stakeholder i risultati raggiunti nella stagione 2018-2019 in ambito sociale, economico e ambientale. Per questo illustreremo le principali attività sviluppate nel corso dell’anno, in linea con la missione dichiarata.

Quello del Bilancio di Sostenibilità è il nuovo percorso di trasparenza e accountability. Un’occasione importante per osservarci, per implementare la sostenibilità, per monitorare i nostri risultati. E quindi, per trovare continuamente spunti di miglioramento e di crescita.

Guardando avanti, intendiamo proseguire nel cammino intrapreso, confermando il nostro costante impegno nel territorio di riferimento, valorizzando tutte le nostre risorse».

About the author

Geremia Vannetti

Geremia Vannetti

Capo redattore di Sciare, lavora per la testata dal 1986. Maestro di sci di fondo, è nato a Varese dove tuttora risiede. È responsabile di tutto il comparto attrezzatura e moda e gestisce la Guida Tecnica all’Acquisto oltre a organizzare tutte le prove materiali. Per la testata Sciare si occupa anche dell’Agonismo Giovanile