Notizie

La festa a sorpresa per i 60 di Ivano Camozzi riunisce atleti, allenatori, staff e tanti amici!

La festa a sorpresa per i 60 di Ivano Camozzi riunisce atleti, allenatori, staff e tanti amici!
Le feste a sorpresa sono sempre carine e divertenti, soprattutto se chi compie gli anni ha modo di riabbracciare vecchi amici che magari non vedeva da molto tempo. beh, quella dedicata per i 60 anni di Ivano Camozzi è riuscita davvero alla grande!
Per gli sbarbati p bene ricordare che Ivano è stato uno dei gigantisti di punta della squadra Azzurra negli Anni 80, dunque in piena era Tomba, Pramotton, Erlacher, Toetsch…

Era sempre lì, nella top ten, ma ha conquistato un unico podio, gigante di Park City 23 novembre 1989, primo  Ole Kristian Furuseth, secondo svizzero Pirmin Zurbriggen. Ma la gara che probabilmente è rimasta più impressa nei ricordi è il gigante olimpico di Calgary ’88 vinto da Alberto Tomba. Al termine della sua seconda manche si trovava al comando riuscendo a passare davanti ad Andreas Wenzel e al compianto Rudolf Nierlich che lo precedevano a metà gara.

In quel momento un pensierino a una medaglia ci stava, tanto da sventolare il Tricolore preso da un tifoso e percorrere tutto il parterre in segno di festa. Poi però sia Zurbriggen che Strolz riuscirono a mantenere le loro posizioni e l’atleta bergamasco dovette accontentarsi di rimanere ai piedi del podio.

Ebbene, Ivano il 12 aprile scorso ha varcato la soglia dei 60 anni, occasione magnifica per ritrovarsi con un bel gruppo tra atleti, tecnici, entourage, amici. Chi c’era?

Alberto Tomba, Heinz Holzer, Osvald Toetsch, Giglio Tomasi, Carlo Gerosa, Lara Magoni (scatenatissima), Ivano Edalini, Roberto Grigis, Aldo Ghislandi, Chicco Cotelli, Guido Regruto, Efrem Merelli, Ciro Sertorelli,  Livio Migliorini, Danilo Paganoni, il Dottor Claudio Zambelli e altri.

In piedi, da sinistra: Aldo Ghislandi, Chicco Cotelli, (non riconosciuto), Roberto Grigis, Guido Regruto, Efrem Merelli, Ciro Sertorelli, Ivano Edalini, Livio Migliorini. Seduti, da sinistra: Heinz Holzer, Osvald Toetsch, Giglio Tomasi, Lara Magoni, Ivano Camozzi, Alberto Tomba, Carlo Gerosa e appena dietro Danilo Paganoni e il Dottor Claudio Zambelli.

Lara Magoni e Ivano Camozzi con la maglia Azzurra e un numero inequivocabile!

Un modo per abbracciare il grande Ivano che due anni fa mise in grande apprensione l’intero Circo Bianco quando se la vide brutta con il covid, fortunatamente finita bene.

Ivano, lasciato il mondo delle competizioni, aveva trovato impiego presso la ditta bergamasca Acerbis, ancora oggi distributrice dell’attrezzatura Scott. Pian piano però si è spostato nel ramo del bike diventando brand manager e uno dei personaggi più noti delle due ruote.
Tantissimi auguri Ivano! La festa a sorpresa

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment