Notizie

La nuova gara di Barbara Merlin

La nuova gara di Barbara Merlin.
Non è una discesa e nemmeno un superG e più che una gara si tratta di una nuova sfida: “È’ tutta colpa di Lara Magoni. Io me ne stavo lì, tranquilla, a sistemare i programmi dello sci club (Sauze) e Lara ha cominciato a tirarmi dentro alle comunali, ovviamente di Torino”.

Vuoi fare la Sindaca?
Figuriamoci. Il fatto è che in quest’ultimo anno e mezzo mi sono confrontata spesso con Lara per capire cosa potessimo fare in favore della “nostra” montagna. Più che altro sfogavamo la nostra a vicenda. Le preoccupazioni, le delusioni, le incazzature! Credo abbia notato in me una conoscenza non superficiale delle varie realtà sportive e turistiche e così…

E così ti ha chiesto di candidarti per Torino…
Esatto. Com’è noto Lara si è buttata in politica da tanti anni ed è Assessore in Regione Lombardia. Questo per me è un mondo non del tutto sconosciuto, ma non mi sono mai dedicata ad attività di questo tipo. Certo è che si tratta di una buona occasione per poter dare il mio contributo. Io sono nata e cresciuta a Torino ed anche se poi ci siamo trasferiti sulle montagne che la guardano, mi sento senz’altro più cittadina. Portare a Palazzo le realtà che forse chi vive di sola politica non conosce lo ritengo importante. Non certo per me, ma per la nostra comunità e lo sviluppo del territorio.

Ti riferisci alla montagna ma qui si parla di un città…
Certo che sì, ma il mio eventuale contributo al mondo dello sport e del turismo di Torino non può che riflettersi anche sulle montagne che la circondano. Altrimenti Torino 2006 che senso ha avuto? A proposito di questo, il capolavoro fatto 15 anni fa sta pian piano scomparendo. Ecco mi piacerebbe battermi per riprendere i valori principali che sostenevano il progetto olimpico.

Immagino che correrai per la lista di Paolo Damilano…
Esattamente. Non l’ho ancora conosciuto di persona perché è capitato tutto così in fretta e pochi giorni fa. Sono però molto note qui le sue capacità manageriali. Certo un Comune non è un’azienda, ma i principi e lo spirito che lo sostengono sono gli stessi miei. Comunque se non ho un passato di attivista politica è perché di base non ho mai guardato tanto ai colori ma alle singole questioni secondo i criteri con cui sono cresciuta, quindi a quelli che contraddistinguono lo sport. Dunque, la mia ambizione non è quella di scalare l’albero della politica, ma di occuparmi di questioni reali del territorio. Poi se sarà necessario tirar fuori le unghie per difendermi o attaccare lo farò. Sarà sempre più facile rispetto a quando combattevo contro le forze della velocità in curva e sugli schuss di tutto il mondo!

C’è dunque il rischio che presto dovremo chiamarti Assessora, Onorevole…
Sciocco! Che rimanga sul divano o vada sulla luna per tutti sarò sempre “la Babi”. nuova gara Barbara Merlin nuova gara Barbara Merlin

gara di Barbara Merlin gara di Barbara Merlin

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.