Notizie

La pista Ventina preparata per i velocisti

Cervinia si appresta ad accogliere i funamboli della discesa e la pista Ventina è stata preparata ad hoc proprio pewr i velocisti. Da domani, infatti inizieranno gli allenamenti dei francesi, con la squadra maschile e femminile di Coppa del Mondo di discesa e superG al gran completo.

Tra martedì e mercoledì sono invece attesi gli azzurri della velocità, quindi Domme paris e compagni.
Le squadre si alleneranno sulla parte alta della pista Ventina, preparata per l’occasione ad ospitare le discese.

Intanto prosegue senza problemi il programma di allenamento sulle piste dedicate agli sci club. I 18 tracciati, di cui 10 per il gigante e 8 per lo slalom, consentono ai vari team di svolgere un proficuo lavoro in previsione della stagione agonistica.

I ragazzi dello sci club Goggi in attesa di salire con la funivia, domenica 1 novembre 2020.

Sempre negli stessi giorni è pure previsto l’arrivo a Cervinia degli uomini e delle donne del team Italia di snowboard cross. Un appuntamento questo molto importante, perché ci ricordiamo bene come sono andati i nostri nelle ultime due stagioni! La Coppa del mondo, infatti, ritornerà sul Cervino nella località ai piedi del Cervino il prossimo 19 e 20 dicembre.

FIS Snowboard Cross World Cup 2019 /2020. Michela Moioli (ITA) first place in Cervinia 21/12/2019. Pier Marco Tacca/ Pentaphoto

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.