Notizie

La situazione dell’Energiapura Children Series a due eventi dal termine

La situazione dell’Energiapura Series a due eventi dal termine.
La classifica dell’Energiapura Series inizia a farsi calda! Già domani all’Abetone le cose potrebbero cambiare perché ci sarà la prima giornata di Ragazzi e Allievi al Pinocchio sugli Sci. Poi toccherà allo slalom, ma per avere la graduatoria definitiva si dovrà attendere l’Uovo D’Oro di Sestriere del 2 aprile.

Intanto diamo uno sguardo alla situazione attuale perché dopo gli Italiani dell’Abetone dei giorni scorsi, tante cose sono cambiate.

Nella classifica ragazzi femminile sta prendendo il volo Anna Trocker, il gioiellino del Seiser Alm con due piazze d’onore all’Abetone ha toccato quota 360 punti. Le belle prestazioni agli Italiani di Beatrice Mazzoleni (prima in superG) hanno portato la piemontese dello Ski team Prato Nevoso al secondo posto con 255 punti. Poco sotto, con 238 c’è l’atleta dello Sporting Campiglio Azzurra Ines Leonardi (2a nello slalom tricolore).

 

Anna Trocker del Seiser Alm sorella più piccola di Nadine impegnata negli Allievi

Si prospetta una bel match in casa della società trentina perché al quarto posto con 209 punti si trova Lavinia Paci (figlia di Guido) vincitrice del gigante la settima scorsa. Tra le top 5 l’altoatesina  Viktoria Klotz che ricordiamo sul secondo gradino del podio in slalom all’Alpe Cimbra. Ma a proposito di rapid gates, occhio al ritorno di Giada D’Antonio dello Sci Club Vesuvio, perché il titolo italiano di specialità è suo e al Pinocchio potrebbe…

Per la categoria Ragazzi maschile, allenato da Davide Ciminelli e Marco Tatone, Giovanni Scalisi (in arte Giovannino!) dello Sci Club tre Nevi Ovindoli, reduce dal titolo in gigante è in testa con 221 punti. Ma con 214 punti lo tallona  Mattia Valente dello Sci Club Cortina, non a caso in piazza d’onore nello stesso gigante all’Abetone.

Giovanni Scalisi con i tecnici Davide Ciminelli e Marco Tatone

Quindi Ettore Arturo Bussei Canone (190 punti) del Sestriere, secondo in slalom agli italiani dietro a Thomas Liberatore (Ski team fassa) che nel l”EP Series è sesto. Davanti a lui con 165 punti, c’è al quarto posto  Giulio Paolo Cazzaniga primo nel gigante dell’Alpe Cimbra e poi sempre ben piazzato in ogni gara.

L’atleta dello Sci Club Val Chisone si era aggiudicato anche il Premio Rolly Marchi a Folgaria quale qualificato alla fase internazionale più giovane! Al quinto Christian Kostner che era in testa dopo l’Alpe Cimbra (secondo in slalom e gigante).

Lara Colturi, Golden team Ceccarelli

Passiamo agli Allievi. E chi potrebbe essere in testa della graduatoria femminile se non Lara Colturi? L’atleta del Golden team Ceccarelli conduce con 400 punti equivalenti a quattro vittorie. Non sono cinque perché nel gigante dei campionati tricolori è uscita nella prima manche. Erano anni, anni e anni che non accadeva… Si scherza naturalmente, ma in effetti non vedere al traguardo questo talentino puro fa specie!

Giorgia Collomb (La Thuile Rutor)

Ad ogni modo Giorgia Collomb, orgoglio del La Thuile Rutor non molla e con il secondo posto abetonese ottenuto in slalom e superG è alle sue spalle con 290 punti. I punti di distacco rispetto alla terza in classifica potevano essere di più, ma la mantovana Ludovica Righi dell’Edelweiss ha pensato bene agli Italiani di arrivare seconda in superG (a pari merito proprio con Giorgia) e non contenta di vincere il gigante!

Ora con 265 è davanti a Nadine Trocker (236 punti) sempre sugli scudi anche lei per la gioia del Sieser Alm. Chiude la top five Rita Granruaz dello Ski team Alta Badia, che quando arriva al traguardo non esce mai dalle prime 10 posizioni.

Al vertice della classifica maschile sim profila un bel braccio di ferro tra Pietro Mazzoleni e Edoardo Simonelli.

Pietro Mazzoleni (Ski Team Mondolè Prato Nevoso

Comanda l’atleta dello Ski Team Mondolé Prato Nevoso con 306 che sta quasi pensando di prender casa all’Abetone visti i risultati ottenuti ai Tricolori. 7° in gigante, 2° in slalom, 4° in superG e peccato che non sia valida la combinata altrimenti sarebbero stati altri 100 punti. Grazie anche al terzo posto in slalom e al secondo in gigante all’Alpe Cimbra ha 306 punti.

Edoardo Simonelli (Les Arnaud)

Dado ne ha 272 e ancora si morde le dita per essere uscito in gigante sulla pista Zeno, il giorno dopo aver vinto il superG. Grazie anche ai 100 punti al Topolino in slalom l’atleta del Les Arnauds non molla l’osso e al Pinocchio promette scintille.

Sempre che il trentini dello Sporting Campiglio Andrea Armari (Nella foto qui sopra) sia d’accordo. Con 208 punti insegue la testa e ricorda che il gigante dell’Alpe Cimbra lo ha vinto lui! Guadare avanti è sempre positivo ma un’occhiatina alle spalle non guasterebbe perché con soli 13 punti in meno Matteo Avesani fa notare che all’Abetone ha concluso quarto in gigante e terzo in superG.

Nella lotta è ancora ben presente anche Federico Fontana (172 punti). Allo Ski College Fassa gli hanno fatto una gran festa quando gli hanno visto al collo la medaglia d’oro Tricolore recentemente vinta in slalom!

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment