Notizie

Le Azzurre del dopo prova. Bassino: “Domani ci provo!”

Ecco alcune delle nostre superjet Azzurre nelle dichiarazioni del dopo prova dove Marta Bassino dice: “Domani ci provo!”.

Sofia Goggia: “Ho fatto due buone prove, ma sappiamo che si può migliorare tantissimo, ci sono zone del tracciato in cui sono in grado di fare di più, e anche il vento ha mischiato un po’ le carte.

Mi presento con il pettorale di leader in discesa ma non ci penso, ragiono gara per gara, siamo ancora troppo lontani per fare qualsiasi calcolo. Pensiamo solamente ad andare forte e mettere fieno in cascina.

La sfida di questa settimana è stimolante, perché con due discese e un supergigante sarà importante, oltre allo sforzo fisico, avere il giusto approccio mentale.

Mi è capitato nelle scorse settimane fra Val d’Isère e St. Anton di avere un diverso approccio mentale fra la discesa che avevo vinto il giorno prima e il supergigante del giorno successivo.

La vittoria è bella ma è da assorbire dal punto di vista della gestione, qui l’obiettivo è quello di avere tre giorni al top da questo punto di vista“.

Federica Brignone:Sono qui per cercare di esprimermi come sono capace, cosa che in questo mese non mi è riuscita tanto bene.

Io pretendo sempre molto da me stessa, probabilmente mi sono messa addosso un po’ di pressione nelle ultime settimane, che mi ha portato a sbagliare di più e a gareggiare non più per vincere, ma per non fare errori.

Qui la pista mi è sempre piaciuta negli anni scorsi, in realtà ero venuta qui in vista soprattutto del supergigante di domenica.

Però fisicamente mi sento bene e sto lavorando tantissimo, ho tanta energia in corpo e nei due giorni di prove mi sono divertita molto. Per cui ho deciso di gareggiare anche venerdì e sabato”

Marta Bassino: “Mi sono presa un giorno in più di riposo perché avevo bisogno di tirare il fiato dopo le due vittorie di Kranjska Gora.

Venivano da un periodo abbastanza intenso perché ero partita da casa il 3 gennaio. Vedere i miei familiari per qualche ora mi ha fatto bene.

Domani sarò in gara, poi vedremo in base alla prestazione se sarà il caso di gareggiare anche sabato, prima del supergigante di domenica.

La pista è molto bella, c’è un piano centrale pianeggiante dove devo difendermi e oggi ho pure trovato abbastanza vento. Era importante mettere il piede in pista per capire alcun passaggi e rifinire il tutto a video. Con l’obiettivo di tirare fuori una buona prestazione“.

Elena Curtoni:È una pista che conosco molto bene, ci sono passaggi ciechi da fare in sicurezza, dove occorre sapere quale direzione prendere.

Il resto è tutto da attaccare, affrontare in spinta perché ci sono delle belle curve. Finora le cose stanno andando bene, ottengo piazzamenti con costanza. Sento però di avere risultati ancora più importanti che già potevo raggiungere a St. Anton. Dove purtroppo ho commesso degli errori. Sono sicura che arriveranno presto“.

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.