Notizie

Le nuove Sfide

Cari lettori, pronti a ricominciare? In un momento particolarmente difficile in cui tutto dovrebbe cambiare, ma nella realtà nessun cambiamento s’intravede all’orizzonte, rimanendo nel solo contesto montano dall’ultimo numero uscito in edicola del nostro magazine, ad oggi di notizie ce ne sono state molte. Una rapida carrellata delle principali news che ricordo: in aprile elezioni FISI con riconferma di Flavio Roda alla presidenza, rinnovo invece ai vertici di Anef (esercenti funiviari) dove dopo più di 20 anni Lazzari ha ceduto il testimone a Valeria Ghezzi. In maggio elezioni FISIP (Federazione Italiana Sport Invernali paralimpici) dove è stata riconfermata come presidente Tiziana Nasi. Anche Fisps avrà le sue elezioni con l’arrivo dell’autunno e si dovrà nominare il nuovo presidente e consiglio direttivo. Anche per noi sarà un momento di grande riflessione e grande attenzione per scegliere la migliore squadra che sappia affrontare correttamente le future sfide che ci aspettano e che ci siamo prefissi. Nell’aprile scorso nella stazione sciistica di Big White Snow Resort – Provincia della British Columbia, si è svolto il 19° congresso di FISP- Fédération Internationale des Patrouilles de Ski, dove è stato eletto il nuovo presidente francese Jean Louis Tuaillon, manager profondo conoscitore del sistema montagna a livello internazionale e direttore della stazione sciistica che ha ospitato i giochi olimpici 2014 di Sochi. L’altro evento che ha caratterizzato questa trasferta oltre oceano è stata l’assegnazione dell’incarico di organizzare il 20° congresso internazionale, evento che avviene ogni 2 anni visto il numero di associati che si muove da ogni parte del mondo. La sfida è stata tra Italia (Ponte di Legno-Tonale) e Russia (Sochi).
Cercate su YouTube «Adamello Ski FISPS» e troverete la presentazione offerta a tutti i delegati per far capire cosa poteva offrire la nostra federazione italiana. Sempre su YouTube potrete vedere «FIPS 2014 Bigwhite BC». Le esercitazioni sono state stimoli di riflessione e confronto per la commissione medica. Le sessioni in pista aiutano a imparare a lavorare assieme, confrontando sul campo i diversi protocolli in stazioni di lavoro che hanno chiesto a squadre composte da pattugliatori di diverse nazioni di soccorrere sciatori in difficoltà.
Infine cliccando su «FISPS at FIPS 2014 – CANADA» una stupenda ricostruzione di cosa lascia un’esperienza di questo tipo, per chi ha la fortuna di viverla, noi possiamo solo immaginare.
Merita vedere anche l’ultima parte del video ossia «the race» per comprendere come anche per noi esistano i momenti di spasso sugli sci. Anche in questo frangente l’Italia ha vinto la gara dove nessuno voleva perdere.
Ma secondo voi com’è finita la votazione?
È stata favorevole all’Italia, e alla chiusura del Congresso in Canada il saluto è stato «See you in 2016, see you in Italy!». Quindi grande lavoro da parte di tutti i nostri uomini e in particolare della sezione regionale Lombardia Akja. E quindi, grande attenzione all’organizzazione di questo importante evento tutto italiano!
Anche sul tema formazione e divulgazione a partire da ottobre saremo impegnati in docenze con la Scuola Nazionale. Saremo infatti presenti all’importante corso di aggiornamento per responsabili della sicurezza e manutenzione delle piste da sci che si terrà in ottobre a Bressanone e dove ci sarà come moderatore l’Ing. Tiezza, mentre a novembre a Torino siamo stati invitati dall’amico Avv. Mauro Manassero al corso – Il Diritto e lo Sci – organizzato dalla Commissione Scientifica dell’Ordine degli Avvocati di Torino.
Non potremo inoltre mancare alla Fiera Skipass di Modena, dove abbiamo organizzato una presenza meno statica e più orientata a divulgare temi interessanti per tutti coloro che fossero interessati al tema tanto attuale del primo soccorso assieme al Corpo Forestale dello Stato.
Fisps è sempre più convinta che nel futuro si debba proseguire verso la strada dell’integrazione. Fare squadra e sfruttare tutte le sinergie possibili che le varie situazioni contingenti offrono. Avete per caso dubbi su questa affermazione? Io no.

Tags

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment