Notizie

Ma quale mare, Sofia Goggia sarà a Lenzerheide!

Ma quale mare, Sofia Goggia è sulla neve e si presenterà a Lenzerheide! La bergamasca sarà al via delle prove ufficiali in programma nella località elvetica lunedì 15 e martedì 16 marzo, in vista della discesa femminile che assegnerà mercoledì 17 marzo la coppa del mondo di specialità.

La campionessa olimpica, che lo scorso 31 gennaio si procurò a Garmisch la frattura composta del piatto tibiale laterale della gamba destra, ha ottenuto il via libera della Commissione Medica FISI per prendere parte ai due allenamenti. Goggia ha svolto in questi ultimi giorni tre sessioni di allenamento sulla pista Li Zeta della società Sitas di Livigno.

Sono state sedute che mi hanno permesso di capire molte cose – dichiara la bergamasca -, ringrazio Livigno per averci messo a disposizione tracciati perfettamente preparati.

Non ho mai sentito dolore, abbiamo alternato giri di slalom in campo libero al gigante, fino ad arrivare a supergigante e discesa su neve facile.

Non ho alcuna pretesa, intendo affrontare le prove di discesa a Lenzerheide come tutte le altre gare e poi vedremo insieme allo staff se ci saranno le condizioni per partecipare alla gara, fisicamente sto facendo tutto ciò che devo fare in questo genere di situazioni.

Mi sento abbastanza tranquilla, in pista cercherò solamente di concentrarmi sulle cose che devo fare. Sarà una discesa come tante altre, penso di avere attraversato in passato prove peggiori nella mia carriera”.

Goggia sarà al via delle prove insieme a Elena Curtoni, Federica Brignone, Marta Bassino, Laura Pirovano, Nadia Delago e Francesca Marsaglia, l’obiettivo è quello di difendere la leadership nella classifica di discesa, da lei comandata con 480 punti contro i 410 di Corinne Suter e i 383 di Lara Gut-Behrami, le uniche avversarie ancora in grado aritmeticamente di insidiarla al primo posto. Ma quale mare Sofia Goggia

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.