Notizie

Marta Rossetti incubo finito, domani le prime curve allo Stelvio!

Marta Rossetti incubo finito, domani le prime curve allo Stelvio!
La Federazione dà il via libera a Marta Rossetti per rimettere gli sci sulla neve! Questo è avvenuto dopo i test fisici effettuati alla Mapei in questi ultimi giorni, a sei mesi dall’intervento al crociato del ginocchio sinistro. Via libera arrivato anche dal Dott Giacomo Stefani, il chirurgo che ha operato Marta questo inverno.

Sono stati sei mesi duri, con sedute giornaliere di riabilitazione presso la struttura bresciana di Medical Spa dove Marta è stata seguita passo passo verso la completa ripresa e riatletizzazione.

La soddisfazione della “Leonessa” Bresciana delle Fiamme Oro ricevuta la lieta novella: “ Sono Emozionatissima, non so descrivere la mia gioia. Questo è stato il mio primo infortunio importante della mia vita e ringrazio tutti coloro che mi sono stati vicini e mi hanno sostenuta”.

Oggi Marta partirà alla volta dello Stelvio per alcuni giorni di lavoro in campo libero accompagnata dal tecnico bresciano Devid Salvadori e dal suo Skiman Tiziano Vuerich.
Sono super felice – il commento a caldo di Marta – la conferma definitiva è arrivata solo stamane ma non vedo l’ora di rimettere gli sci ai piedi e di assaporarmi quelle sensazioni. Anche se faremo solo campo libero”. Marta Rossetti incubo finito Marta Rossetti incubo finito

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.