Notizie

Mondiali estivi biathlon: doppietta firmata Wierer-Vittozzi nella sprint

Mondiali estivi biathlonh: doppietta firmata Wierer-Vittozzi nella sprint
E’ subito doppietta per l’Italia nella supersprint femminile che ha aperto i Mondiali estivi sulla pista tedesca di Ruhpolding. Dorothea Wierer e Lisa Vittozzi conquistato le medaglie d’oro e d’argento nel nuovo format introdotto dalla Federazione Internazionale con una prestazione maiuscola sugli skiroll, grazie alla quale hanno tenuto a distanza la concorrenza.

Wierer, due errori al poligono, ha girato davanti a tutte dopo la serie iniziale e non ha più ceduto la posizione, presentandosi  al traguardo con il tempo totale di 19’05″7, migliore di 45″5 rispetto a Vittozzi, che di errori al poligono ne ha commessi tre.

Kinnunen, terza al traguardo, ha accusato 13″9 pur essendo precisissima al tiro. Fuori dal podio Marketa Davidova con la quarta posizione a 23″0: la ceca aveva realizzato il miglior tempo nelle qualificazioni del mattino in cui Vittozzi era stata ottava e Wierer nona. “E’ stato sicuramente un buon allenamento, era importante capire quale fosse il nostro grado di condizione in un periodo in cui abbiamo caricato molto”, ha commentato Wierer.

Nella gara maschile il maschile Philipp Horn si è imposto tagliando il traguardo con il tempo di 6’55″4 e due errori al poligono, che gli hanno consentito di precedere gli svedesi Sebastian Samuelsson e Peppe Femling (entrambi con tre errori) rispettivamente di due e sette decimi.

Fuori nelle qualificazioni Didier Bionaz, la squadra azzurra si affidava unicamente a Tommaso Giacomel, protagonista nelle qualificazioni con il terzo tempo. Purtroppo l’altoatesino si è ritirato dopo la prima serie, quando si trovava in decima posizione, a causa di un problema tecnico legato ad un attacco dello skiroll.

Sabato 27 agosto il programma prevede le sprint (uomini alle ore 14.45 e donne alle ore 17.00). Mondiali estivi biathlon: doppietta

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment