Notizie

Mondiali Junior a Bansko, convocati anche Matteo Bendotti e Tommaso Saccardi

Buone notizie in casa Matteo Bendotti e Tommaso Saccardi convocati, assieme a Franzoni e Della Vite, ai Mondiali Junior di Bansko. Matteo e Tommaso quest’anno hanno davvero lasciato il segno con prove maiuscole. il 19 di Castione della Presolana si è imposto in due Fis, lo slalom di Bardonecchia a inizio dicembre e a Plan de Corones a dicembre.

Poi a podio anche in superG e Combinata alpina a Santa Caterina. Il miglior risultato ottenuto in Coppa Europa dell’atleta in forze al gruppo sportivo Fiamme Oro, rimane il 20esimo nello slalom della Val Cenis. Il coetaneo dell’emilia Romagna, nato nelle file dello Schia, sotto le grinfie di Samuele Severi, ha messo a segno due vittorie negli slalom Fis di Schladoing e Pfelders quando Matteo fu terzo.

Si uniranno a Giovanni Franzoni e Filippo Della Vite che seppur coetanei sembrano già… veterani”. Convocati più di una volta in Coppa del Mondo si presenteranno a Bansko con velleità di Medaglia. Giovanni ha partecipato anche ai Mondiali di Cortina dove ha portato a casa in gigante un risultato notevole, ottenuto con un dolore alla schiena lancinante.

Il che ha consigliato di rimanere a riposo in questo giorni, motivo per cui non è presente ai giganti di Coppa sempre a Bansko, dove invece sarà presente Filippo.

Il via è previsto nella stazione bulgara dal 2 al 10 marzo. 

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.