Notizie

Paralimpiadi, la fiamma ha riacceso il cielo di Pechino, da stanotte il via!

Paralimpiadi, la fiamma ha riacceso il cielo di Pechino, da stanotte il via!
Ci siamo, la fiamma si è riaccesa nel cristallo di neve, simbolo olimpico e da oggi anche paralimpico dello sport mondiale, nel National Stadium di Pechino.

Davvero emozionante il momento in cui è entrato in scena l’ultimo tedoforo. Un giocatore di basket molto forte che perse totalmente la vista a causa di una esplosione. Poco dopo entrò nel mondo paralimpico nel salto, vincendo un argento. Accompagnato dalla sua guida ha raggiunto il punto in cui fissare la fiaccola per illuminare lo stadio. Ma non ci riusciva. A quel punto un “forza!” detto in cinese ha interrotto il silenzio e tutti gli spettatori, circa 50 mila persone, hanno iniziato a incitarlo fino a quando il cristallo di neve si è illuminato e lui ha stretto il pugno in segno di vittoria!

Di fronte al Presidente della Cina Xi Jinping e al Presidente dell’IPC Andrew Parsons, gli atleti delle 46 delegazioni presenti in Cina hanno sfilato nel meraviglioso impianto chiamato Nido d’uccello, stadio che, nel 2008, ha ospitato la cerimonia di apertura e le gare di atletica delle Paralimpiadi estive di Pechino 2008.

Da domani, venerdì 5 marzo, 564 atleti si affronteranno nei 78 eventi medaglia previsti dal calendario (39 per gli uomini, 35 per le donne, 4 misti). Sei gli sport coinvolti: sci alpino, sci nordico, snowboard, sci di fondo, biathlon, curling e para ice hockey.

A sfilare, per la prima volta in una Paralimpiade invernale, le delegazioni di Israele, Porto Rico e Azerbaijan.

Alfiere della delegazione italiana Giacomo Bertagnolli, plurimedagliato ai Giochi di PyenogChang 2018 nella disciplina dello sci alpino, che ha guidato il team azzurro composto da 32 elementi (29 atleti e 3 atleti guida).

A farla da padrone, in termini numerici, il Paese ospitante: la Cina può contare su 96 atleti, impegnati in tutte e sei gli sport presenti nel calendario. A seguire nella classifica delle squadre più numerose gli Stati Uniti, che di atleti ne portano 65.

La Nuova Zelanda può vantare l’atleta più anziana, Pam Wilson, 66 anni per la giocatrice di curling. La sciatrice austriaca Elina Star, con i suoi 15 anni, è invece l’atleta più giovane.

Domani, 5 marzo, inizio dei XIII Giochi Paralimpici invernali. Alle 3 ora italiana, in gara subito il portabandiera dell’Italia Giacomo Bertagnolli e la sua guida Andrea Ravelli, impegnati nella discesa libera di categoria visually impaired maschile. In campo femminile, ci saranno Martina Vozza, l’atleta italiana più giovane in Cina (diciotto anni ancora da compiere) e la sua guida Ylenia Sabidussi. Per la categoria standing maschile, scenderà in pista Federico Pelizzari.

Alle 9.35 ora italiana, la Nazionale Italiana di para ice hockey debutterà ai Giochi affrontando la Repubblica Ceca nel match valido per il Gruppo B (dello stesso girone fanno parte anche Slovacchia e Cina). Paralimpiadi la fiamma ha 

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment