Notizie

ParaMondiali: Jack in zona medaglia

Pronti via, subito un intoppo alla quarta porta anche se la dinamica non è stata chiara, per colpa dell’intensa nevicata e dei cumuli di neve appena fuori dalla linea ideale che hanno nscosto l’azione. Il dubbio è che si fossero addirittura toccati, ma si sono sfiorati solo gli sci. Se fossero invece entrati in contatto i corpi sarebbero stati squalificati. E’ andata bene! Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal hanno comunque interrotto l’azione per un paio di secondi. Questo è anche il ritardo che la coppia Azzurra, impegnata nella prima manche dello slalom tra i Visually impaired, ha sullo slovacco Jakub Krako (Brozman la sua guida) che ha chiuso la sua prova con il tempo di 56″18. Alle sue spalle il compagno di squadra Miroslav Haraus, altro mito dello sci paralimpico di un paese che segue e vive ogni attività sportiva con grande attenzione e partecipazione. Poi Giacomo e Fabrizio staccati di 2″72. Poteva andare peggio se la coppia Azzurra non avesse superato il lungo muro finale alla perfezione. Il gap, infatti, a metà gara era superiore ai 3 “23. Sarà una seconda di grandi emozioni perché è nelle corde dei due trentini, medaglia d’oro olimpica di specialità, la possibilità di attaccare il gradino più alto del podio. Dovranno però guardarsi anche alle spalle perché l’austriaco Josef Lahner non è così staccato al quarto posto: + 3″39, mentre il francese Thomas Civade è quinto a +3″71.

 

Nella categoria Standing, buona prova di Davide Bendotti che  a metà gara occupa la 13esima posizione ma è molto vicino ai top ten che sarebbe comunque un’ottima performance considerando che qui la concorrenza è davvero forte e numerosa. Al comando il francese Arthur Bauchet che ha chiuso la prima manche con il tempo di 51″72, con la bellezza di 3″82 di vantaggio sull’elvetico Thomas Pfyl e 5″18 sullo svedese Aron Lindstroem. Davide ha chiuso in 1’01″07

 

Nella categoria Sitting, purtroppo René De Silverstro, quarto in gigante, per il quale c’erano tante aspettative, è uscito nella prima parte del tracciato. Non è riuscito a chiudere a dovere una porta che in effetti invitava ad aprire un po’, ma in realtà il passaggio successivo non era così filante e non è riuscito a rimanere nel tracciato. Davvero un gran peccato. Comanda la prima manche l’olandese Jeroen Kampschreur con il tempo di 55″24, davanti quindi al norvegese Jesper Pedersen (+1″15) e al polacco Igor Sikorski (+4″48), tallonato dal giapponese Takeshi Suzuki (+4″73). Anche l’esordiente Manuel Micheletto, non è riuscito a rimanere nel percorso. Fuori anche un altro dei favoriti, l’olandese Niels De Langen.
Seconda manche alle 13:15

Tags

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment