Notizie

Qualifiche PGS, Brignone e Bassino in finale, Vlhova out!

Qualifiche PGS, Brignone e Bassino in finale, Vlhova out!
Pronti via, subito le prime sorprese, con Petra Vlhova che esce dopo poche porte mentre Federica Brignone e Marta Bassino sono riuscite a entrare in finale non senza brividi. Le prime 4 discese si sono corse completamente al buoi. Poi è uscito il sole e la regolarità delle qualifiche è andata a farsi friggere.  Non c’è dunque da meravigliarsi se in finale vedremo nomi solitamente non tra le prime nel gigante. Come la tedesca Andrea Filser, l’inglese Alex Tilley o la neozelandese Petra Hudson.

Marta Bassino ha ottenuto l’ottavo tempo, dunque l’ultimo disponibile. L’avrebbe superata Lara Della Mea alle sue spalle per un solo centesimo, ma la friulana si è girata durante la sua azione, errore che ha pagato con almeno mezzo secondo. Quinto tempo, invece per Federica Brignone che era scesa appena dopo Petra che non è mai sbucata dal piccolo dosso di metà percorso.

Alle 14:00 vedremo anche Wendi Holdener (best time nel percorso blu), Tina Robnik, Maryna Gasienica -Daniel, Paula Moltzan, Tina Robnik, Paula Moltzan e Tessa Worley. Scese nel tracciato rosso, quello di Fede, ce l’hanno fatta Meta Hrovat, miglior tempo, Katharina Liensberger, Coralie Frasse Sombet, Stephanie Brunner , Estelle Alphand, e Nina O’Brian. 17° tempo per Laura Pirovano.

Marta Bassino: “Sono passata al pelo ma la gara vera è oggi pomeriggio. Di fianco a me c’era Petra ma a un certo punto non l’ho più vista al mio fianco. Credo mi abbia distratto questo fatto, ma mi è andata bene”.

Federica Brignone: Ho sciato abbastanza bene, forse con un po’ troppo rispetto nella prima parte perché mi sono chiesta cosa avesse impedito a Petra di uscire. GTemendo in una lastra di ghiaccio ho alzato un po’ il piedino. In finale il tracciato sarà più corto quindi partire bene sarà fondamentale”.

LA CLASSIFICA

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.