Notizie

Ski Master Athletes, un gruppo di discussione e confronto dedicato agli over 30

Ski Master Athletes, un gruppo di discussione e confronto dedicato agli over 30
Ski Master Athletes è un gruppo di discussione e confronto dedicato agli over 30, nato due anni fa in pieno lockdown.
Nel settore neve e ancora più nello sci, le pagine attive tra web e social sull’argomento non sono di certo poche. Riferimenti come la “nostra” pagina o per rimanere sul pezzo, come quella di Pianeta Master, luogo più istituzionale, ce n’è più di uno, ma “SMA” ha un altro scopo. Confrontarsi, condividere e informarsi su ciò che accade soprattutto in pista fuori e dentro le gare. Ovviamente la cronaca degli eventi più importanti è ben presente, tra l’altro con immagini e informazioni esclusive, ma la sua natura è quella di abbracciare totalmente la comunità Master.

L’idea è dello stesso amministratore del gruppo Alberto Dan (nella foto qui sopra) che ha costruito  un vero e proprio staff dove ognuno ha il proprio compito e “luogo” di intervento. Così Luca Zanon si occupa degli allenatori, Davide Grechi degli atleti, Leonardo Tempesti delle gare. Poi, ancora, Luca Zini i materiali, Enrico Bonato rapporti con gli sci club, Andrea Miotto pubbliche relazioni e Sergio Amodio area comunicazione.

Racconta Alberto, uno degli ideatori: “La stagione agonistica era stata bruscamente interrotta dal Covid e tutti noi avevamo dovuto rinunciare a competizioni molto importanti che si sarebbero dovute svolgere tra marzo e la prima metà di aprile. Una disdetta, ci eravamo tutti preparati intensamente! Ma poteva finire così? Seduti sul divano ad aspettare?

Così nasce l’idea di base di continuare a coinvolgere gli atleti nell’unico modo possibile in quel momento, invitandoli a condividere attraverso i Social le proprie foto e video in gara o in allenamento. Ne parlo con amici e “colleghi” di divertimento e la risposta non tarda ad arrivare: apriamo il gruppo e dopo soli pochi giorni i membri sono più di 500! Oggi, a poco più di due anni di distanza, SMA coinvolge quasi 1.200 membri iscritti, tra atleti, allenatori, tecnici provenienti da 34 nazioni.

Pochi o tanti che siano, quello che distingue SMA non sono i numeri ma la qualità. E per ottenerla è necessario curare una certa selezione, affinché gli interventi siano totalmente interessati. Per fare parte di SMA – precisa Alberto – è necessario essere, o quantomeno essere stato, un’agonista Master oppure svolgere un’attività professionale strettamente legata al mondo Master! Verifico personalmente ogni richiesta di iscrizione! Guardo se ha degli amici già presenti nel gruppo, visito il suo profilo personale per cercare evidenze del fatto che è un agonista o che lavora con Master. Vado eventualmente a verificare se è iscritto alla FISI – attraverso la app MyFisi – oppure alla FIS. Ho rifiutato centinaia di richieste di iscrizione perché non rispettavano questi requisiti”.

In effetti, spulciando tra gli iscritti  sono tanti gli atleti di spessore presenti e protagonisti a livello nazionale e internazionale. Eccone alcuni: Andrea Lepre, Davide Grechi, Gunther Stockner, Andrea Zanei, Oskar Pramsohler, Doris Bergner, Debora Marchesoni, Marina Capretta, Roberto Siorpaes, Hubert Thaler, Silvia Vagnone, Rudi Pittarello, Eugenio Traversa, Mariano Galas, Massimo Treccani, Alberto Ronconi, Andrea Gaier e molti altri. Tutti straordinari atleti nelle diverse categorie che hanno condiviso le proprie immagini e hanno interagito con il gruppo.

E poi i coach più prestigiosi che condividono nel gruppo i loro programmi dedicati ai Master: Omar Longhi, ex atleta di Coppa, Gianluca Grigoletto, Mario Zanotta, Stefano Belingheri, Luca Zini, Luca Zanon e tanti altri.

Un mix perfetto che consente di alimentare quotidianamente il gruppo che diventa anche un’importante fonte di informazioni: calendari, sedi, date e orari di gare, allenamenti, stage, iniziative, eventi rivolti ai Master.

Gli atleti si confrontano con i tecnici anche attraverso i video. Qui possono scambiarsi informazioni su tecnica, materiali, preparazione. O esprimere opinioni e giudizi e proporre nuove idee. Un luogo dove è possibile scoprire le aspettative degli atleti in merito a problematiche che riguardano il movimento. Ancora Alberto Dan: “In un recente sondaggio ho chiesto quali potessero essere i motivi della sensibile riduzione degli iscritti alle gare negli ultimi anni e i risultati emersi sono stati recepiti anche dalla commissione“.

Non mancano anche gli avvenimenti speciali. Ad esempio, a fine stagione, il gruppo organizza gli “SMA Photo Contest” ai quali gli atleti possono partecipare condividendo una propria foto in gara che viene poi votata da tutti i membri. Quest’anno il contest è stato vinto da Davide Grechi con una foto veramente straordinaria. Il premio è stato un weekend per due persone nell’Isola di Pellestrina nella laguna di Venezia.

Tutto questo avviene nel rispetto del puro spirito Master. “Mi piace pensare che SMA possa contribuire a ritrovare i fasti di un tempo del nostro movimento che oggi è un po’ in sofferenza, promuovendo iniziative che possano riportare alle competizioni coloro che, per motivi diversi, vi hanno rinunciato o eventi abbiano funzione di aggiornamento e di confronto ma anche una funzione motivazionale per alimentare lo spirito Master che non deve essere disperso ma che deve essere assolutamente preservato in ogni modo. Io lo chiamo “The True Master Spirit”!

I NUMERI DI SKI MASTER ATHLETES

1.164 membri con il 15% di stranieri. I paesi più rappresentati sono USA, Canada, Austria ma anche Svezia, Spagna. Ci sono anche alcuni giapponesi. Ben rappresentati il Nord Est (54%) e il Nord Ovest (26%), meno il Centro/Sud (20%).Le signore sono il 15%, I maschi l’85%. La categoria più rappresentata è la Master C. Ski Master Athletes un gruppo Ski Master Athletes un gruppo Ski Master Athletes un gruppo

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment