Notizie

Sophie Mathiou schierata anche per il Team Event

Per Sophie Mathiou è un momento davvero magico della carriera perché oltre a partire nello slalom finale di Lenzerheide, i tecnici l’hanno convocata anche per il Team Eventi di domani.

Farà squadra assieme a Nadia Delago, Luca De Aliprandini e Giovanni Borsotti. È una bella decisione quella presa, perché permetterà alla 19enne valdostana di aggiungere un mattoncino in più a un bagaglio di esperienza che è per forza di cose ancora vuoto.

La sosterrà Nadia che quest’anno ha fatto una crescita bellissima. Un processo che sta proseguendo molto bene, ma che ha i suoi tempi. Nella velocità non ci si inventa dal giorno alla mattina. Tra l’altro ai Mondiali la sorellina di Nicole è stata l’unica a dare un punticino al Team Event ai quarti che poi ci ha visti eliminati. La presenza di Giovanni e Luca è per loro importante per prendere confidenza col terreno del gigante.

Intanto non si placano i malumori per una regola che a posteriori risulta stupida. Da domani le previsioni danno bel tempo fino a domenica. La domanda è: perché fare una gara piuttosto inutile anziché la discesa o il superG se sarà annullato? Il regolamento, ricordiamo, impedisce di modificare la programmazione delle gare alle finali. In ballo c’è tanto.

Sia la coppa generale maschile che femminile sono ancora apertissime con le sfide Pinturault.Odermatt e Vlhova-Gut-Behrami, divisi da pochi punti. Ad avere la peggio, sarebbero i due atleti elvetici che non fanno lo slalom. In realtà, come ultimo disperato tentativo, Marco Odermatt si presenterebbe al cancelletto dei rapid gates avendo più di 400 punti nella Wcsl. Dubitiamo, invece, che Lara prenderebbe tale decisione. Anche solo per principio. Staremo a vedere.

Intanto noi godiamoci la gara di Sophie che vivrà certamente emozioni impensabili fino a poche settimane fa. Sophie Mathiou schierata anche

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.