Notizie

Tessera Fisi: la lettera di Flavio Roda

Pubblichiamo il testo della lettera che il Presidente Fisi Flavio Roda ha inviato agli sci cliub, in relazione alle novità sulla tessera federale.

Egregi Presidenti,
in relazione a quanto condiviso nell’ultima riunione di Consulta in tema “tesseramento” ove si rimandava la definizione della questione alla mattinata del 30 luglio precedente il Consiglio, mi preme significarVi alcuni aspetti fondamentali che hanno contribuito alla formazione della deliberazione consiliare.

La procedura di centralizzazione del tesseramento deriva da un preciso obbligo di adeguamento sancito dal CONI a cui non è permesso derogare. Ove invece è stato possibile, sono state recepite le osservazioni raccolte dai referenti indicati dai Comitati Regionali РPresidente Marocco e Presidente Campani condividendo le motivazioni alla base delle osservazioni fatte emergere.

Per tale motivo Vi allego il documento riassuntivo deliberato dal Consiglio Federale dello scorso 6 agosto permettendomi di evidenziare alcune importanti decisioni di cui sono certo apprezzerete la volontà di veder crescere la nostra Federazione verso non solo un incremento nel numero dei tesserati ma un sinergico e condiviso sostegno al movimento degli sport
invernali in tutto il territorio.

Innanzitutto, a fronte della constatazione di criticità in alcune singole realtà, sarà possibile che il Vostro Comitato supporti i club non strutturati  per la stagione 2015/2016, alla centralizzazione del tesseramento attraverso la possibilità di utilizzare la procedura in vigore sino alla passata stagione. Tale procedura risulta quindi una deroga concessa verso un indirizzo condiviso in linea con il necessario adeguamento all’informatizzazione dei sistemi per essere, anche noi, al passo con i tempi. Dalla stagione 2016/2017, il sistema della centralizzazione dovrà entrare a regime ma sono certo che, con la volontà fattiva dei nostri Presidenti di club, non sarà
un problema il prosieguo.

Con molta trasparenza, desidero condividere con Voi, con numeri alla mano, i costi delle tessere e le quota previste a favore dei Comitati e i costi fissi che FlSl sopporta per la realizzazione del materiale.

Costo tessera adulto,  32,00 euro – spese FlSl comprensivo del pacchetto assicurativo 13,00 Euro
Quota spettante ai CR : 16,00 euEuroro
Costo tessera under 10: 20,00 Euro
Quota spettante ai CR 7,00 Euro

l 3 euro di “differenza” tra i 13 euro di costi “vivi” e la quota ai Voi destinata rispetto ai 32 euro di costo “al pubblico” andranno a costituire un fondo accantonamento destinato all’attività del territorio in base al raggiungimento di obiettivi meritocratici.

Di questo mi sembra che ci si possa ritenere pienamente soddisfatti avendo tutti Voi addotto, per il tramite dei Vostri rappresentanti, quale problematica maggiore, una mancanza di supporto economico delle Vostre attività e progettualità. Con questo mi sembra di poter sgombrare il campo da spiacevoli illazioni inerenti un ipotizzato introito federale gestito dalla sede centrale.

Altro importante tassello raggiunto è la costituzione di un conto corrente dedicato altesseramento onde garantire la più celere tempistica nel versamento della quota. Infine, a seguito delle criticità emerse sulla destinazione delle prime 35 tessere che ciascun club è tenuto ad acquistare, come da previsioni regolamentari federali, potete notare che è stata lasciata la massima libertà possibile al fine di non incidere sull’eventuale composizione e organico di un affiliato.

Non da ultimo a fronte delle tante proposte pervenute in relazione ai contenuti della polizza derivante dal tesseramento mi preme riassumerVi brevemente  (in allegato lla lettera il documento) – i contenuti della copertura assicurativa valevole per tutti i tesserati al fine di procedere ad una valutazione approfondita e sinergica onde essere preparati con serie alternative in sede di scadenza di
mandato.

Permettetemi di concludere significandovii il mio ringraziamento per quanto raggiunto di cui personalmente mi sento molto soddisfatto e al contempo manifestarvi la percezione, awertita anche dal Consiglio, di abbandono delle logiche territoriali volte a monetizzare i contributi ricevuti a fronte invece di una consapevolezza e della volontà di agire nell’interesse delle nostre
meravigliose discipline, non seconde a nessuno.

Con l’augurio che le proposte deliberate, a seguito del confronto, trovino il Vostro favorevole apprezzamento, ritengo si possa andare molto lontano. (Flavio Roda)

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment