Notizie

Il progetto Vivere la neve

Ècon un certo piacere che la Scuola Tecnici Federali inizia, con questo primo articolo, ad approfittare dell’ospitalità del Magazine SCIARE per arrivare al numeroso pubblico della rivista, composto da interessati ed appassionati, per informare sull’attività e le iniziative della Scuola Tecnici Federali della Federazione Italiana Sport invernali.

L’ANALISI DELLO STATO DELLE COSE
La FISI ha registrato in quest’ultimo decennio una contrazione di presenze, in termini quantitativi, nella partecipazione del popolo della neve. Fra i protagonisti di questa collettività va sicuramente tenuto conto del mondo della scuola. Gli attori principali del movimento scolastico sono gli allievi e gli insegnanti di educazione fisica.

LA GENESI DEL PROGETTO
«VIVERE LA NEVE»
Il Presidente della FISI ha fortemente voluto, stimolato e dato mandato agli uffici federali di competenza, affiancati da Infront, di produrre un progetto capace di coinvolgere e permettere alla scuola, nonostante la pesante situazione socio-economica, di tornare a frequentare  le montagne innevate.

I CONTENUTI DEL PROGETTO
Ne è nato un progetto destinato a far cultura in materia di: educazione alla salute, allo sport praticato con il pieno divertimento, ma in massima sicurezza; alla conoscenza e al rispetto dell’ambiente e della natura alpina.
Questa prima edizione «pilota» era destinata ai ragazzi delle Scuole Secondarie di Primo Grado della Lombardia, Abruzzo, Piemonte, Valle d’Aosta, Veneto ed Emilia Romagna.
Le classi iscritte parteciperanno ad un concorso che ne porterà una parte sulla neve per un’esperienza straordinaria, in forma del tutto gratuita.
Partner dell’iniziativa sono: Associazione Maestri di Sci Italiani (AMSI), Associazione Nazionale Esercenti Impianti a Fune (ANEF), Collegio Nazionale Maestri (ColNaz) e Pool Sci Italia.

GLI SKI STAGE
Parallelamente al progetto per i ragazzi, è prevista una formazione degli Insegnanti di Educazione Fisica denominato Ski Stage. Si tratta di un corso di formazione e aggiornamento sulla neve riservato ai docenti delle scuole secondarie di I e II grado. Globalmente gli eventi saranno 6 e coinvolgeranno, fra gennaio e marzo 2015, 120 Professori delle Regioni pilota.
Agli Insegnanti partecipanti è richiesta, sotto la propria responsabilità, una capacità sciistica garante di una piena e totale autonomia in pista.
I corsi di formazione si sviluppano in 3 giorni. Al termine del percorso, la Scuola Tecnici Federali riconoscerà il titolo di Animatore Scolastico degli Sport invernali, con il rilascio di Attestato di partecipazione.
Il programma prevede una parte pratica sulla neve e una parte teorica in aula. Verranno affrontati i temi della sicurezza, della preparazione fisica e di quella tecnica. Maestri di sci, Guide Alpine e Docenti della Scuola Tecnici Federali svilupperanno argomenti quali i rischi legati alla pratica degli sport invernali e relativa normativa vigente, come affrontare e gestire le emergenze, la conoscenza dell’ambiente della montagna, come predisporsi nel modo più sicuro e più efficiente per uno sviluppo personalizzato delle abilità tecnico-sciistiche anche per i ragazzi portatori di disabilità motorie, cognitive e sensoriali.
Riportiamo il dettaglio del programma nello specchietto PROGRAMMA SKI STAGE (a fianco).
Ski Stage è realizzato con il patrocinio del CONI e di Padiglione Italia e il supporto dei Gruppi Sportivi Militari.

CONCLUSIONI
Le iscrizioni si sono chiuse da qualche giorno e si sono registrati numeri inaspettati. Le richieste, tanto da parte delle classi che dagli insegnanti, sono state ampiamente superiori al numero massimo previsto. Questo significa che la passione e l’interesse per gli sport invernali è viva.
La piena soddisfazione dell’iniziativa ci spinge a programmare con maggior fiducia il futuro di questo progetto pilota di cui vi daremo notizia, a consuntivo, alla fine di marzo.
Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.fisi.org/federazione/vivere-la-neve

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment