Sciare
1 dicembre 2020

14,00

Il quarto numero della stagione si appresta a entrare per la prima volta dalla sua nascita (1966) in un inverno con gli impianti chiusi. Non c’è stato niente da fare, il Governo non ha trovato altre soluzioni o alternative e questo sarà. Non ha potuto invece, fermare Sciare che prosegue a raccontare il mondo della neve con i suoi protagonisti e le sue bellezze

A cominciare dalla Coppa del Mondo che dopo Sölden ha ripreso a Levi, con i due slalom femminili, e i paralleli di Lech-Zürs, dov’era presente al traguardo l’immancabile Ninna Quario. Pronta a cogliere sguardi, impressioni e momenti che la tv non può raccontare. La sezione agonismo propone poi un’intervista esclusiva al detentore della Coppa Aleksander Aamodt Kilde e la prima intervista a una futura promessa dello sci croato, Zrinka Ljutic, 16 anni.

Il Mondo dell’attrezzatura tocca la categoria più numerosa di sci e scarponi, ovvero gli attrezzi per la pista, modelli derivati dal settore race carve, ma più accondiscendenti… Interessante scoprire poi, come Head vive il territorio, con una serie di personaggi, tra maestri, Istruttori e Allenatori, pronto a raccogliere le richieste degli appassionati

Sciare Campus affronta in questa quarta puntata dedicata alla tecnica, l’adattamento tecnico ai terreni soffici. L’autore, Gianluca Grigoletto, come sempre, si affida ad alcuni esempi extra sciistici, per spiegare alcuni accorgimenti tecnici non sempre semplici da comprendere. Come… saltare su un materasso a molle!

Nella sezione turistica, importante intervista a Francesco Bosco, consulente a Madonna di Campiglio, che spiega a quali costi una stazione andrà incontro con la chiusura degli impianti nel periodo natalizio. E tanti altri approfondimenti sul tema.

Poi tanti altri servizi dedicati allo sci giovanile, agli sci club, ai Master e Senior.

COD: EDI_C_SCI_736 Categoria: Tag:

Descrizione

La redazione di Sciare magazine inizia a vivere il 1° dicembre del 1966, quando Massimo Di Marco esce con il primo numero della testata.

Nel 2002 il Direttore Massimo cede la direzione al figlio Marco Di Marco (marco@sciaremag.it) che continua a condurre la testata quindicinale, oltre che gestire il sito www.sciaremag.it e la parte “Social”.

Geremia Vannetti (geremia@sciaremag.it) è il capo redattore e oltre alla “cucina” di redazione, segue in particolare modo il settore dell’attrezzatura e cura l’annuario Guida Tecnica all’Acquisto.

L’agonismo è gestito da Maria Rosa Quario (ninna@sciaremag.it), in arte Ninna, protagonista della Valanga Rosa tra il ’79 e l ’86 come slalomista. Madre di Federica Brignone, una delle nostre numero uno della squadra Azzurra, dirige anche le prove degli sci Junior.

La direzione tecnica è affidata a Giovanni Migliardi (migliardi@sciaremag.it) che è anche il responsabile del programma prove materiali. Giovanni è il Rettore di Sciare Campus – l’università della Tecnica

Andrea Ronchi (andrea@sciaremag.it), gestisce il settore del turismo e di tutto ciò che ruota attorno a uno degli argomenti principali della testata.

A Roberta Vitale (roberta@sciaremag.it) invece la responsabilità di raccontare il settore della moda.

La redazione si completa poi con numerosi collaboratori esterni, come Enrico Ravaschio, padre-padrone, del mondo Master, Valerio Malfatto (Tecnica), Gianandrea Lecco (Freeski), Franco Gionco (Sci alpinismo).

Segue una schiera di sciatori appassionati, ma professionisti in alcuni settori di cui firmano apposite rubriche: Lucia Bocchi (Psicologia), Luigi Borgo (letterato), Giulio Pojaghi Bettoni (Legge), Fabio Verdoni (Traumatologia), Federico Stelè (Sicurezza), Antonio Frattarelli (Economia), Dino Palmi (skiman), Adriano Castiglioni (scienza).