Sciare
15 ottobre 2020

14,00

Ci eravamo lasciati lo 2 aprile scorso con l’ultimo numero della stagione felice e triste allo stesso tempo. L’immagine di Federica Brignone con in mano la Coppa del mondo in un contesto di triste lockdown.

Oggi Sciare riprende il cammino per affrontare il suo 55° anno di vita. E lo facciamo con in copertina un monumento dello sci e dello sport mondiale, Alberto Tomba, incoronato Atleta del Secolo per i 100 anni della Fisi.

Che sia di buon auspicio affinché ché questo difficile momento della vita del mondo intero possa tornare a sorridere. La stagione sembra comunque che possa avere inizio.

Sabato e domenica inizia la Coppa del Mondo!

Agonismo: Ninna Quario ha intervistato i responsabili Fis e gli organizzatori delle gare italiane di Coppa del Mondo che spiegano come saranno affrontati e organizzati gli eventi in tempo di Covid. Poi voce agli allenatori per scoprire come i nostri Azzurri si apprestano a vivere la stagione di Coppa del Mondo. Quindi una curiosa statistica: quanto tempo è passato tra la prima e la seconda vittoria analizzando lo score degli atleti in attività e quelli di ieri?

Attualità: abbiamo contattato i 7 Ski College considerati tali dalla Fisi, per scoprire come tali strutture si sono organizzate, tra lezioni e attività sportiva, in una situazione certamente non semplice. Felici poi di parlare di Skipass, la fiera di Modena, che nonostante tutto riuscirà ad aprire le porte al pubblico e agli addetti ai lavori. Le prime pagine della rivista riportano poi, come sempre, la voce del Colnaz, dell’Amsi, dell’Anef, di Cortina2021, di Fisip, Nast e… tanto altro.

Attrezzatura: Passiamo in esame i modelli più ambiti dagli appassionati. Gli sci da race Carve gigante e i relativi scarponi da gara o comunque alto livello.

Turismo: Intervista a Andy Varallo, neo presidente del Dolomiti Superski. Panorama turismo poi fa un’analisi statistica su cosa è accaduto in montagna da marzo a oggi. Poi l’iniziativa dei comprensori francesi che hanno avviato un progetto eco sostenibile senza precedenti. Intanto a Pitztal hanno inaugurato un nuovo impianto che dal punto di vista architettonico merita 10 e lode

Circo Master e Giovani: Quest’anno Sciare entrerà in alcuni sci club per raccontare la loro storia, l’organizzazione e la filosofia adottata per affrontare l’agonismo giovanile. Il debutto è dedicato al Falconeri Skiteam. Un viaggio sulla neve anche per conoscere gli allenatori. Partiamo da uno dei più saggi, il veneto Andrea Schenal. Quindi spazio consueto ai Master per scoprire i calendari di Coppa italia e FMC.

18 disponibili

COD: EDI_C_SCI_733 Categoria: Tag:

Descrizione

La redazione di Sciare magazine inizia a vivere il 1° dicembre del 1966, quando Massimo Di Marco esce con il primo numero della testata.

Nel 2002 il Direttore Massimo cede la direzione al figlio Marco Di Marco (marco@sciaremag.it) che continua a condurre la testata quindicinale, oltre che gestire il sito www.sciaremag.it e la parte “Social”.

Geremia Vannetti (geremia@sciaremag.it) è il capo redattore e oltre alla “cucina” di redazione, segue in particolare modo il settore dell’attrezzatura e cura l’annuario Guida Tecnica all’Acquisto.

L’agonismo è gestito da Maria Rosa Quario (ninna@sciaremag.it), in arte Ninna, protagonista della Valanga Rosa tra il ’79 e l ’86 come slalomista. Madre di Federica Brignone, una delle nostre numero uno della squadra Azzurra, dirige anche le prove degli sci Junior.

La direzione tecnica è affidata a Giovanni Migliardi (migliardi@sciaremag.it) che è anche il responsabile del programma prove materiali. Giovanni è il Rettore di Sciare Campus – l’università della Tecnica

Andrea Ronchi (andrea@sciaremag.it), gestisce il settore del turismo e di tutto ciò che ruota attorno a uno degli argomenti principali della testata.

A Roberta Vitale (roberta@sciaremag.it) invece la responsabilità di raccontare il settore della moda.

La redazione si completa poi con numerosi collaboratori esterni, come Enrico Ravaschio, padre-padrone, del mondo Master, Valerio Malfatto (Tecnica), Gianandrea Lecco (Freeski), Franco Gionco (Sci alpinismo).

Segue una schiera di sciatori appassionati, ma professionisti in alcuni settori di cui firmano apposite rubriche: Lucia Bocchi (Psicologia), Luigi Borgo (letterato), Giulio Pojaghi Bettoni (Legge), Fabio Verdoni (Traumatologia), Federico Stelè (Sicurezza), Antonio Frattarelli (Economia), Dino Palmi (skiman), Adriano Castiglioni (scienza).