Turismo

Antonio Rossi e le montagne lombarde: “In arrivo 2,4 milioni per la sicurezza impianti e piste”

Antonio Rossi e le montagne lombarde: “In arrivo 2,4 milioni per la sicurezza impianti e piste”.
La Giunta regionale ha approvato i criteri per l’assegnazione dei contributi di sostegno alla gestione in sicurezza degli impianti di risalita e delle piste da sci dei comprensori sciistici lombardi, per le stagioni invernali 2021-2022 e 2022-2023.

“Con 2,4 milioni di euro a fondo perduto – ha sottolineato Antonio Rossi (maestro di sci ad honorem), sottosegretario a Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi – supportiamo in maniera concreta un settore fondamentale per la Lombardia che negli ultimi anni è stato colpito duramente prima dalle restrizioni legate al Covid e poi dal caro energia“.

INSIEME VERSO LE OLIMPIADI DEL 2026
Questa misura, ormai diventata strutturale – evidenzia il pluri campione olimpico – nella politica di Regione Lombardia, conferma l’attenzione e la sensibilità di Regione alle richieste di aiuto che provengono dal territorio. Si tratta di risorse importanti per gli operatori del settore che produrranno effetti positivi a cascata per migliaia di famiglie che di montagna vivono. Un contributo di sostanza a un comparto nevralgico per lo sport invernale e per l’economia delle nostre montagne che, fra quattro anni, saranno protagoniste assolute in Italia e nel mondo con le Olimpiadi invernali del 2026″.

SINO A 125.000 EURO, DOMANDE ENTRO LUGLIO
Il bando – conclude Rossi – sarà pubblicato entro giugno. Sono previsti contributi finalizzati a garantire la sicurezza nella pratica degli sport sulla neve, per la copertura dei costi di gestione e di esercizio degli impianti di risalita e delle piste da sci dotate di impianti di produzione di neve programmata. Per il periodo 2021-2022 le domande potranno essere presentate dal 18 luglio al 9 settembre. Verranno erogati sino 125.000 euro per richiesta. Puntiamo a far arrivare ai beneficiari i bonifici delle prime quote entro novembre“.

IMPEGNO SIGNIFICATIVO E COSTANTE
L’impegno di Regione Lombardia – spiega l’assessore regionale alla montagna Massimo Sertoriper gli impianti di risalita e le piste da sci è importante e costante. Con questa misura, infatti, stanziamo un contributo significativo sia per la copertura dei costi di esercizio sia per l’innevamento delle piste”. “Vogliamo aiutare concretamente gli operatori nella gestione degli impianti – continua – per rendere le nostre montagne sempre più competitive a livello turistico e per gli sport invernali”. “Ancora una volta un contributo fattivo per un comparto strategico e per il turismo invernale – conclude Sertori -, infatti gli impianti di risalita generano un volano per tutte le attività produttive annesse e connesse e moltiplicatore per tutta l’economia del territorio montano“.

DAI COSTI DELL’ELETTRICITÀ ALL’INNEVAMENTO ARTIFICIALE
Nel dettaglio, sono ammissibili a contributo regionale le spese di gestione ed esercizio per il funzionamento degli impianti di risalita e di innevamento artificiale, sostenute dal 1 novembre 2021 al 30 aprile 2022 e dal 1 novembre 2022 al 30 aprile 2023.

Vi rientrano quelle sostenute per i consumi di energia elettrica, il consumo del carburante dei mezzi atti alla sistemazione e battitura delle piste, l’approvvigionamento idrico per la produzione di neve programmata, i costi connessi agli interventi di manutenzione ordinaria e messa in sicurezza degli impianti di risalita e delle piste da sci. Sono inclusi, inoltre, i costi relativi all’applicazione dei protocolli di sicurezza per prevenire la diffusione di nuovi focolai del COVID-19 (dai dispositivi di protezione individuale ai servizi di sanificazione degli ambienti).

SINO AL 70% DELLE SPESE
Il contributo complessivamente assegnabile a ciascuna domanda è determinato nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, in funzione della lunghezza delle piste da sci innevate artificialmente dal gestore, mantenute in esercizio e percorribili dagli utenti per almeno trenta giorni nel corso della stagione sciistica. Antonio Rossi e le montagne

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment