Gare

Azzurre all’attacco della prima combinata di stagione

Alle 9:15 le Azzurre andranno all’attacco della prima combinata di stagione sulle nevi di Altenmarkt – Zauchensee. Prima Azzurra a partire sarà Nicol Delago con l’8 che anticiperà l’uscita dal cancelletto di Federica Brignone nella prima manche che è un superG. prima di loro scenderà Wendy Holdener che è una delle pretendenti alla vittoria assieme, manco a dirlo, a Mikaela Shiffrin che avrà il 21, giusto un numero prima di Sofia Goggia.

C’è comunque molta incertezza sull’esito della gara ed è complicato fare pronostici. L’anno scorso si disputò soltanto la combi di Crans Montana conquistata da Federica Brignone, ma da quest’anno vige la regola già sperimentata con gli uomini a Bormio. Ovvero che nella seconda manche non si parte in ordine invertito di classifica nella seconda prova di slalom.

Sulla carta Mikaela non dovrebbe avere rivali ma non tutte le gare sono uguali e la pista di Altenmarkt non è certamente una passeggiata. Poi Petra Vlhova che ha il lieve vantaggio di aver “toccato” in prova la pista e la neve.

per noi in gara anche Marta Bassino (19), Nadia Delago (27) ed Elena Curtoni (34). Al via alle 09:15 appena 47 concorrenti.

Saltata la combi di Val d’Isere che non verrà recuperata, ne rimarranno due. Quella del 23 febbraio a Crans Montana e l’ultima il 1° marzo a La Thuile
Azzurre all’attacco della combinata

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.