Gare

Discesa Crans, infinita Goggia, furore Italia!

È una Sofia Goggia sempre più infinita perché nella seconda discesa di Crans è ancora vittoria, ma anche furore Italia! Una Sofia straripante non ci basta e allora ecco al terzo posto Elena Curtoni, al quarto Laura Pirovano, al nono Federica Brignone, al 13esimo Nadia Delavo, al 19esimo Francesca Marsaglia e al 24esimo Roberta Melesi. Che giornata!

Era iniziata fin da subito molto bene con Federica che è rimasta nel leader corner fino alla discesa di Sofia, con una gara condotta ad alto livello, tranne forse, la prima parte dove ha perduto troppo decimi.

Poi sono cambiate un po’ le condizioni quando il sole ha iniziato a farsi più insistente migliorando la visibilità e la velocità della neve. Diciamo che tra ieri e oggi non è stata così fortunata nella scelta del numero.

Probabilmente grazie a questo Lara Gut che non è stata impeccabile nell’ultima parte è riuscita a infilarsi in seconda posizione, comunque meritato perché vederla sciare è sempre un gran bello spettacolo. 27 i centesimi di ritardo da Sofia.

Poi Elena Curtoni a 6 decimi netti, ma che sono stati molto meno fino al tratto conclusivo, dove la valtellinese ha macchiato un po’ la linea prima del salto finale.

Quindi Laura Pirovano che è impazzita di gioia per un quarto posto che sigla la sua migliore prestazione di sempre. La trentina invece è stata eccezionale proprio in fondo, dove ha tenuto testa ai tempi di Sofia. 82 i centesimi di ritardo, sette in meno di Breezy Johnson, quinta davanti a Petra Vlhova che non sbaglia mai! Stare davanti a Corinne Suter non è così semplice, anche se la velocista elvetica non sta vivendo un momento psico fisico splendido.

Infine altra bella prestazione di Nadia Delago tredicesima a +1″44.

Dunque quarta vittoria su cinque discese più un secondo posto. Il dominio di Sofia Goggia è assoluto, anche perché ottenuto su piste molto diverse tra loro. E ora si aprono anche altri orizzonti perché Sofia sale in terza posizione nella generale, dietro a Vlhova 865 punti e a Michelle Gisin 744 punti. lei ne ha 654, 31 in più di Marta Bassino. I giochi sono aperti. per la classifica di specialità la vittoria di Sofia è prenotata. Speriamo che Ester Ledecka che oggi ha sfondato pericolosamente le reti, non si sia fatta male. Sembra abbia dolore  a un braccio.

Il furore Azzurro si completa poi con il 19esimo tempo di Francesca Marsaglia e l’incredibile 24esimo di Roberta Melesi alle sue prime esperienze con al velocità che sigla la sua migliore prestazione in Coppa del Mondo. Insomma 6 atlete nelle prime 24 posizioni. Si chiama dominio, Si chiama Valanga!

 

LA CLASSIFICA

 

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.