Gare

Gigante Adelboden, Pinturault prima manche da favola

Gigante Adelboden, Alexis Pinturault disegna una prima manche da favola chiusa con il tempo di 1’09″94. Sono ben 96 i centesimi di vantaggio sull’elvetico Marco Odermatt e 97 sul croato Filip Zubcic.

Ma i nomi migliori sono tutti vicini e si prospetta una seconda manche di grande battaglia.

L’Italia piazza al 12/o posto un Riccardo Tonetti in crescita, staccato di 2″16 da Pinturault, seguito al 21/o posto da Luca De Aliprandini, con 2″64, e al 25/o da Giovanni Borsotti, con 2″74.

Per me una manche buona – ha detto Tonetti -, avrei voluto essere nei dieci, sono appena dietro e sono pronto ad attaccare nella seconda manche. I miei compagni sono appena dietro e comunque siamo in tre molto vicini, penso che ci sia margine per la seconda, che qui ad Adelboden consente sempre recuperi“.

Dopo la gara passata – ha detto Luca De Aliprandini – avevo bisogno di arrivare al traguardo per riprendere un po’ di fiducia. Ora, bisognerà cercare di dare tutto nella seconda. la neve è buona, ma ha un po’ mollato con il passare dei numeri. Ma non deve essere una scusa, bisogna cercare di andare più forte“.

La seconda manche è prevista per le 13.15 con diretta su Rai Sport ed Eurosport.

Ordine d’arrivo prima manche GS maschile Adelboden:
1. Alexis Pinturault FRA 1’09″94
2. Marco Odermatt SUI +0″96
3. Filip Zubcic CRO +0″97
4. Tommy Ford USA +1″15
5. Justin Murisier SUI +1″28
6. Ryan Cochran-Siegle USA +1″38
7. Leif Kristian Nestvold-Heugen NOR +1″42
8. Henrik Kristoffersen NOR +1″52
9. Loic Meillard SUI +1″57
10. Aleksander Aamodt Kilde NOR +1″81

12. Riccardo Tonetti ITA +2″16
21. Luca De Aliprandini ITA +2″64
25. Giovanni Borsotti ITA +2″74

43. Giovanni Franzoni ITA +4″71
45. Stefano Baruffaldi ITA +5″01
Hannes Zingerle ITA ritirato
Alex Hofer ITA ritirato
Filippo Della Vite ITA ritirato
Roberto Nani ITA non partito

L’ordine di partenza della seconda manche

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.