Gare

Mondiali Sci alpinismo, Eydallin, Antonioli, Magnini insuperabili nell’individuale

È l’ennesima grande giornata per lo sci alpinismo Azzurro perché nell’individuale dei Mondiali Matteo Eydallin, Robert Antonioli e Davide Magnini si rivelano insuperabili.

Naturalmente siamo ai Campionati del Mondo ISMF di La Massana, Andorra.
Oro, argento e bronzo sono la testimonianza di un predominio assoluto in questo format. Dove Michele Boscacci completa l’opera col quinto posto, alle spalle dell’elvetico Romi Bonnet. Ma le gioie non finiscono qui perché è arrivata un’altra ondata di medaglie. Alba De Silvestro (nella foto qui sotto) conquista il bronzo alle spalle della francese Axelle Gachet-Mollaret e della svedese Tove Alexandersson, al termine di una bellissima battaglia.

Nell’under 23 possiamo passare alla cassa per ritirare le due medaglie d’oro vinte da Giulia Murada (ed è la seconda) e da Sebastian Guichardaz. Poi l’argento sempre nel femminile di Giorgia Felicetti. Scendiamo di età e ci si scosta poco dal totale predominio. Nessuna ha saputo far meglio di Samantha Bertolina nell’Under 20, mentre Matteo Sostizzo è bronzo. Stesso colore portato a casa da Manuela Pedrana nell’Under 18. Mondiali Sci alpinismo Eydallin

Le classifiche

Senior Women
1. Axelle Gachet-Mollaret (FRA)
2. Tove Alexandersson (SWE)
3. Alba De Silvestro (ITA)

Senior Men
1. Matteo Eydallin (ITA)
2. Robert Antonioli (ITA)
3. Davide Magnini (ITA)

U23 Women
1. Giulia Murada (ITA)
2. Giorgia Felicetti (ITA)
3. Marie Pollet-Villard (FRA)

U23 Men
1. Sebastien Guichardaz (ITA)
2. David Sambale (GER)
3. Julien Ançay (SUI)

U20 Women
1. Samantha Bertolina (ITA)
2. Lisa Moreschini (ITA)
3. Caroline Ulrich (SUI)

U20 Men
1. Paul Verbnjak (AUT)
2. Léo Besson (SUI)
3. Matteo Sostizzo (ITA)

U18 Women
1. Antonia Niedermaier (GER)
2. Louise Trincaz (FRA)
3. Manuela Pedrana (ITA)

U18 Men
1. Jérémy Muriset (SUI)
2. Jon Kistler (SUI)
3. Nils Oberauer (AUT)

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.