Gare

Val d’Isère: la prima prova parla austriaco. Bene Sofia

La prima prova cronometrata della discesa in svolgimento sulla Oreille Killy della Val d’Isère parla austriaco, ma… bene anche Sofia. Ramona Siebenhofer ha chiuso con il tempo di 1″15″06 ponendosi davanti alle compagne di squadra Nina Ortlieb (+0,24) e a Tamara Tippler che paga 26 centesimi.. Poi Ester Ledecka quasi attaccata, a +32/100.

Molto bene Sofia Goggia , ottavo tempo a +0,68 alle spalle di Nicole Schmidhofer e la solita norvegese Kajsa Vickhoff Lie, sempre forte in prova. Sesto posto per la slovena Ilka Stuhec.che si è posta proprio davanti a Sofia.

Più indietro Nicol Delago +1″47, Francesca Marsaglia +1″61 e Federica Brignone +2″31. Si è cacciata già anche Marta Bassino, in allenamento per il superG della combinata di domenica, coprendo la distanza 1’17″2.  Più alto il tempo di Elena Curtoni: +2″19, così come quello di nadia Delago: +3″37

Come si sa, non sarà presente al via Mikaela Shiffrin che non raggiungerà Val d’Isère e che quindi salterà anche la combinata (con superG). L’americana si è semplicemente presa un momento di riposo, ma non è tornata a casa ma è rimasta in Europa. È invece presente Petra Vlhova tra le più “calde” candidate alla vittoria in combinata. Solo 1″05 il ritardo dalla Siebenhofer.

Qui l’aggiornamento Live della clasifica

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.