Notizie Attrezzatura

A Lara Colturi e Sebastiano Zorzi il premio Bollé Junior 2021

A Lara Colturi e Sebastiano Zorzi il premio Bollé Junior 2021.
Lo storico marchio Bollé, sinonimo di innovazione e leader del mercato premium per caschi, occhiali e maschere da sci ha istituito nel 2021 un premio per sciatori junior, una targa ed un contributo per ciascun premiato.

Il Premio Bollé Junior 2021 viene assegnato a Sebastiano Zorzi (Ski Team Fieemme) per il maschile, Lara Colturi (Golden Team Ceccarelli) per il femminile. Entrambi vestono Bollé da molti anni, sono dei fedelissimi del marchio, oltre ad essere degli ottimi studenti e degli eccellenti sciatori.

Il Premio Bollé Junior è conferma dell’attenzione da noi riservata alle competizioni, dal massimo livello alle categorie giovanili, in Italia come negli altri Paesi. La proposta Bollé per l’agonismo si arricchisce quest’anno con una collezione junior di caschi con standard FIS2013 e maschere.

Lo sport agonistico è impegnativo per molti aspetti, anche per quello economico. Crediamo che questa possa essere un’iniziativa apprezzata dai giovani e dalle loro famiglie”, dichiara Luca Zangrandi, direttore vendite Europa di Bollé.

Sebastiano, classe 2005, è stato vincitore nel 2021 dei Campionati Nazionali e regionali, oltre a numerose altre gare. Lara, campionessa nazionale in carica, ha inanellato venti vittorie consecutive, nonostante sia del primo anno di categoria (Children), 2006. Proprio ai recenti Italiani Children sono finiti assieme sul podio.

Sebastiano e Lara sono due giovani molto promettenti, è con grande piacere che assegniamo loro questo premio.

Vivono lo sci con grande divertimento, fondamentale a quest’età, e sanno che la strada verso il massimo livello è ancora lunga, ma non impossibile. È per Bollé un onore poterli supportare con questa iniziativa”, le parole di Andrea Cappelletti, sport marketing manager di Bollé. A Lara Colturi e A Lara Colturi e

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.