Gare

Sebastiano Zorzi e Lara Colturi primi ori agli italiani Children

I primi ori dei campionati italiani Children, in svolgimento sulle nevi di Ravascletto/Zoncolan, sono di Lara Colturi e di Sebastiano Zorzi.

La 15enne piemontese del Golden Team Ceccarelli ha ottenuto il miglior tempo in entrambe le manche. Con 1’39″55 ha preceduto di 46 centesimi Ludovica Rigji la forte trentina dell’Edelweiss. Terzo posto per Virginia Costa del Gardena Raffeisen staccata di 1″22. Giù dal podio una delle favorite della vigilia, Giulia Romele del Val Palot, brava comunque a recuperare una posizione e concludere davanti a Sofia Parravicini del Lecco che la precedeva a metà gara.

La più veloce tra le Allieve venete Camilla Vanni del Druscié Cortina, sesta, davanti a Francine Rollet del Chamolé. Poi ottava Rita Granruaz (Ladinia AltaBadia), nona Sofia Funaro (Sci Club 21) e decima Teresa Pascolat (S.C. 70).

In campo maschile si è invece proceduto con lo slalom gigante. Lo Ski Team Fiemme puntava molto su Sebastiano Zorzi, spesso tra i leader di categoria agli appuntamenti che contano e anche questa volta non ha fallito. Questo grazie a una seconda manche da favola che lo ha fatto riemergere dalla sesta posizione di metà gara. 1″45″08 il totale 82/100 più veloce di Pietro Broglio (Courmayeur Monte Bianco) anche lui fuori dal podio dopo la prima manche chiusa in quarta posizione.

Edoardo Simonelli (Les Arnauds) commette un grave errore nella prova decisiva (20esimo tempo), ma grazie alla sua prima impeccabile riesce ad acciuffare la medaglia di bronzo, staccato di 1″24 dal leader.

Rimane giù dal podio per soli 4 centesimi il trentino Alessio Zampini (Wonder Ski) che precede al quarto posto Nicola Pedroncelli (Ski Racing Camp), Tobias Peer (Ski Club Haid), Alberto Landini (S.C. Abetone), Davide Princi (S.C. Monte Lussari), Leonardo Varzi (Ski Team Valsesia) e Tommaso Mobiglia (Ski Team Fassa) che chiude in decima posizione.
Amedeo Malossini del Falconeri, secondo al termine della prima, si è dovuto arrendere nella seconda e col 24esimo tempo si è ritrovato sedicesimo.

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.