Notizie

Altra tegola per l’Austria, Leitinger rompe il crociato

Altra tegola per l’Austria, Leitinger rompe il crociato.
Austria sotto assedio dagli incidenti, dopo l’infortunio capitato a Marco Schwarz solo sei giorni fa (legamento collo piede), arriva quello ben più grave di Roland Leitinger. Fresco, fresco di podio nella prima di Sölden, secondo alle spalle di Marco Odermatt, il trentenne tirolese è caduto in allenamento a Reiteralm procurandosi la rottura del legamento crociato del ginocchio destro.

Roland, terzo nel gigante parallelo della Badia conquistato nel 2019

Inutile dire… stagione finita! Davvero una disdetta per il gigantista austriaco che stava davvero trovando una nuova giovinezza dopo due infortuni capitati in carriera, uno dei quali dopo la conquista della medaglia d’argento ai Mondiali di Sankt Moritz del 2017.

Poi nel 2019 la soddisfazione del primo podio di Coppa del Mondo ottenuta nel parallelo dell’Alta Badia.

Ironia della sorte, si è fermato sulla stessa pista che lo vide debuttare nel mondo Fis nel lontano 2006. Nella stagione 2014-15 sembrava essere nata una nuova stella quando conquistò la coppa di gigante nel circuito continentale. Le premesse c’erano tutte e quest’anno all’opening di Sölden aveva prenotato un posto tra i leader della specialità proprio nella stagione giusta. Quella Olimpica, che purtroppo…

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.