Notizie

Bartholet inventa il “RopeTaxi”, impianto completamente automatizzato

Bartholet inventa il “RopeTaxi”, impianto completamente automatizzato.
Si chiama Ropetaxi e si presenta al mondo dell’impiantistica funiviaria come una novità assoluta nella concezione e nella funzionalità. Di che cosa si tratta? Essenzialmente, questa «primizia» di Bartholet permette alle cabine nelle stazioni di funzionare in modo indipendente utilizzando il proprio nuovissimo sistema di azionamento eMotion.

Per mezzo di interruttori all’interno delle stazioni, si possono formare reti funiviarie e combinazioni flessibili di percorsi. Una selezione della destinazione premendo un pulsante prima di salire a bordo permette un viaggio diretto alla destinazione senza cambiare la cabina durante il tragitto.

Grazie alla sicurezza della salita e della discesa dalle cabine che restano ferme, sono state create le basi per un funzionamento senza personale. Il Ropetaxi si basa su tecnologia Bartholet collaudata da tempo e permette molte nuove possibilità.

Come funziona il sistema eMotion
Il funzionamento del Ropetaxi presenta lo stesso livello di sicurezza di un comune sistema di ammorsamento automatico. Sulla linea le cabine sono ancora trasportate ammorsate alla fune e anche il processo di accelerazione e decelerazione nelle stazioni è ancora effettuato da comuni trasportatori di pneumatici. Tutti i restanti trasportatori a pneumatici nella stazione sono però eliminati, il che permette un funzionamento silenzioso e riduce significativamente il numero di parti meccaniche e i loro costi di manutenzione. Tutto ciò che rimane è il binario di scorrimento, che aumenta ulteriormente l’affidabilità del processo.

Il Ropetaxi utilizza eMotion, il nuovissimo sistema di azionamento di Bartholet, per spostare le cabine nelle stazioni ad una velocità di 1 m/s. Il design della morsa corrisponde all’ultima generazione Swiss Performance ed è inoltre dotato di due motori ridondanti con ingranaggio planetario per il sistema.

L’approvvigionamento energetico necessario per il funzionamento semovente è assicurato dal recupero energetico. L’energia cinetica viene convertita in energia elettrica e immagazzinata durante la decelerazione quando il veicolo entra nella stazione e durante l’accelerazione quando ne esce.

La tecnologia di azionamento variabile continua permette di utilizzare i motori nella gamma ideale di valori di potenza/coppia. Oltre ai due motori alla morsa, ogni veicolo è dotato di due batterie ridondanti, ciascuna delle quali permette una guida autonoma fino a un’ora.

Il sistema di gestione intelligente delle batterie (BMS) integrato regola e osserva la potenza e la tensione per un uso ottimale delle batterie. In generale, l’energia generata permette una gestione equilibrata dell’energia.

Tuttavia, se lo si desidera, la batteria può essere facilmente sostituita e ricaricata tramite un sistema di cambio rapido. Grazie all’intera ridondanza del sistema eMotion, l’operatore beneficia della massima disponibilità del sistema e della sicurezza personale e di processo.

Controllo intelligente del flusso passeggeri
Il sistema di controllo del processo permette una sequenza in rete di tutti i movimenti. L’assegnazione intelligente del flusso di passeggeri con display di accesso regola l’imbarco nella cabina corretta e a riposo.

Per un utilizzo ottimale della capacità, la partenza viene regolata automaticamente in base al numero di passeggeri, registrati all’imbarco.

L’ingresso sicuro è garantito da doppie porte di accesso, che sono monitorate otticamente come in un ascensore. Dopo che una cabina ha lasciato la zona d’imbarco, i veicoli dietro si spostano automaticamente verso l’alto.

La “Rossa” di Prato Nevoso

Questo assicura che ci sia sempre un veicolo nella zona d’ingresso. I punti di cambio rapido nelle stazioni sono impostati in base alla destinazione scelta dal passeggero.

Anche gli incroci di passaggio senza cambiare cabina possono essere realizzati in questo modo.

Ogni cabina ha un proprio sistema di controllo indipendente per i motori e il monitoraggio dei sensori. Inoltre, sono dotate di sensori di distanza per rilevare altri veicoli o oggetti nella corsia e fermare automaticamente le cabine.

Per garantire pienamente la sicurezza operativa, Bartholet ha sviluppato un nuovo sistema di evacuazione che può rimuovere le cabine dal giro stazione in breve tempo in caso di guasto.

Cabine a portata  di comodità e magazzino funzionale
L’area d’imbarco è fisicamente separata dal transito della stazione. Questo permette al veicolo di rimanere completamente fermo nelle posizioni di imbarco e di uscita.

Questo accesso assolutamente privo di barriere è comodo e sicuro per i passeggeri con carrozzine, attrezzature sportive e bagagli, ma permette anche alle persone anziane di entrare senza problemi.

Per la prima volta, un impianto a fune rende davvero giustizia alle persone con difficoltà di deambulazione e di vista.

L’interno della cabina può essere adattato ai desideri individuali del cliente. Tracciando ogni singolo veicolo, Ropetaxi può anche identificare e controllare cabine specifiche per uso personale o una «linea veloce».

Un altro grande vantaggio del Ropetaxi è la possibilità di parcheggiare tutti i veicoli all’interno delle stazioni. Lo spazio richiesto per le stazioni è solo leggermente più grande di quello delle stazioni tradizionali, ma poiché non ci sono più i magazzini tradizionali, non è necessaria alcuna infrastruttura separata.

L’interno delle cabine presenti nell’impianto di Mosca

Viene eliminato un importante fattore di tempo e di costo per estrarre le cabine da un garage, poiché i veicoli vengono stivati tra le aree di carico e scarico. Non appena nessun veicolo è sulla fune, l’intero sistema può essere spento senza dover passare attraverso un processo di rimessaggio che richiede tempo.

L’efficienza ecologica e l’«esordio» a Flims Laax
Gli impianti a fune sono già uno dei mezzi di trasporto più ecologici, non da ultimo per la loro lunga durata.

Un’analisi ha dimostrato che con il concetto di Ropetaxi si può evitare fino al 50% delle corse a vuoto, poiché il veicolo funziona solo quando salgono anche gli ospiti. Così, solo la metà delle operazioni di accoppiamento hanno luogo, con conseguente minore usura di tutte le parti.

Nel momento in cui non vengono trasportati passeggeri, la velocità della fune viene automaticamente ridotta. In combinazione con il recupero dell’energia attraverso il recupero, il Ropetaxi è caratterizzato da un consumo energetico inferiore fino al 50% e da costi operativi e di manutenzione notevolmente ridotti.


Trasporto a fune dalla città alla montagna

La Bartholet Maschinenbau AG di Flums fondata nel 1962 da Anton Bartholet ha rilanciato negli ultimi anni la sua presenza nel mercato impiantistico internazionale con una serie di realizzazioni ispirate, come sempre nella sua storia, dalla ricerca della massima efficienza sul piano della funzionalità e sulla massima qualità sul piano del comfort di trasporto.

Oltre alla novità assoluta Ropetaxi presentata quest’anno, ricordiamo alcune recenti installazioni.

In volo sulla Moscova – Una funivia Bartholet unica nel suo genere è stata aperta nel cuore di Mosca, capitale russa. I passeggeri possono viaggiare comodamente e rapidamente dallo Stadio Olimpico «Luschniki», in centro (1), al punto più alto della città «Vorobyovy Gory» sorvolando la Moscova.

La distanza lineare tra i due luoghi è di soli 700 m, ma l’impianto evita un percorso automobilistico di 6,5 km. Nella serie di cabine da 8 posti in linea, quattro da 4 posti sono caratterizzate da un lussuoso allestimento Vip (2).

Da Gstaad verso l’Eggli – La prima cabinovia a 10 posti del Bartholet in Svizzera supera 500 metri di dislivello con undici sostegni e lungo una linea di 1500 metri.

L’interno della cabina presente a Gstaad studiata per privilegiare l’aspetto panoramico del trasporto

La telecabina trasporta 1.200 persone all’ora. Grazie alla combinazione ideale di innovazione e comfort, le 20 cabine panoramiche particolarmente lussuose (3), offrono un’esperienza di viaggio unica.

L’equipaggiamento è caratterizzato da un vetro stratificato di sicurezza e da un generoso design interno che comprende un sistema di comunicazione vocale, apparecchiature WLAN e illuminazione interna.

La «Rossa» di Prato Nevoso – Quella realizzata nella nella località sciistica del Cuneese è la prima cabinovia a 10 posti del Bartholet in Italia (4). L’elegante colore nero in combinazione con le facciate delle porte rosse conferisce alla cabinovia un carattere particolarmente affascinante.

Oltre che per il loro design esclusivo, le cabine panoramiche si distinguono anche per il comfort di viaggio unico. Il nuovo impianto si sviluppa su una lunghezza inclinata di 1.463 metri e trasporta circa 1.800 persone all’ora. Bartholet inventa il RopeTaxi Bartholet inventa il RopeTaxi Bartholet inventa il RopeTaxi

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.