Notizie

Che lavori sulla Kandahar di Sestriere!

Che lavori sulla Kandahar di Sestriere! Davvero incredibile come l’organizzazione abbiamo quasi aperto in due la Giovanni Alberto Agnelli, pista che ospiterà le gare femminili nel week end del 18 e 19 gennaio. Si tratta di un gigante, fissato per la giornata di sabato e l’indomani il PGS, ovvero un gigante parallelo.

Ebbene, la neve, abbondante, è stata completamente ribaltata dai cingoli dei gatti. Più o meno come la terra appena arata da mezzi meccanici che si presenta spappolata in grandi blocchi. Ecco, nelle immagini si può vedere come si prepara una pista di Coppa del Mondo, al di là della barratura. Quest’ultima fase è l’estremo ritocco che viene fatto sul percorso di gara.

È un’operazione necessaria che prevede delle vere e proprie iniezioni di acqua all’interno della neve. L’obiettivo finale è quello di ottenere un fondo omogeneo in ogni punto del tracciato per offrire a tutti gli atleti una pista ottimale e con le medesime caratteristiche per tutte le concorrenti in gara.
Da notare che i primissimi lavori sono iniziati in estate, quando la Fis raggiunse il Colle per un’ispezione di rito e per concordare le migliorie.

L’ultima gara di Coppa del Mondo si è disputata nei giorni 10 e 11 dicembre del 2017. Tessa Worley (ora infortunata), prevalse sulla nostra Sofia Goggia brava a piazzarsi davanti a Lara Gut, mentre Marta Bassino concluse al quinto posto, davanti a Mikaela Shiffrin. Nello slalom l’americana prevalse con oltre un secondo di vantaggio sulla slovacca Veronika Zuzulova e Wendy Holdener. Tutto da scoprire sarà il gigante parallelo. Si è scelto il gigante e non lo slalom perché le caratteristiche della pista favoriscono questa formula, grazie alla sua ampiezza.

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.